10 Settembre 2021
14:41

Scoppia il caso ‘no vax’ nell’Arsenal: “Sarà tutta la squadra a pagarne il prezzo”

L’Arsenal non ha iniziato bene la stagione e oltre alle tre sconfitte in altrettante partite di Premier League i Gunners devono fare i conti con alcuni calciatori ‘no vax’ presenti nella rosa e proprio di questo ha parlato Mikel Arteta nella conferenza stampa che precede la gara contro il Norwich: “Saranno la squadra e il club a pagarne il prezzo”.
A cura di Vito Lamorte

La stagione non è iniziata nel migliore dei modi per l'Arsenal, con tre sconfitte in altrettante partite di Premier League. Mikel Arteta e la sua squadra hanno evidenti difficoltà sul rettangolo verde ma bisogna sottolineare come i Gunners abbiano dovuto fare a meno di alcuni calciatori importanti che sono risultati positivi al Covid-19 e questa vicenda ha messo ancora più in difficoltà il club di Londra: prima è toccato a Aubameyang e Lacazette, i due attaccanti più importanti; poi a Ben White, costoso acquisto estivo; e, infine, a Granit Xhaka, che si è rifiutato di vaccinarsi prima di contrarre il COVID-19 la scorsa settimana quando si è sottoposto ai test con la nazionale elvetica ed è risultati positivo.

Di fronte a questa situazione Arteta, nella conferenza stampa che precede la gara contro il Norwich, ha puntato il dito contro i ‘no vax' presenti nella sua rosa e ha illustrato come queste scelte non ricadano solo sui singoli ma possono portare svantaggi a tutta la squadra: "Ovviamente, se non si vaccinano, ci saranno dei limiti, perché non vogliamo esporci a certe cose. Ad esempio, quando si viaggia. Se non sono vaccinati e viaggiano o socializzano in determinate occasioni, il rischio aumenta molto. Non vogliamo esporre nessuno dei nostri giocatori. Alla fine, la squadra e il club ne pagheranno il prezzo".

Il tecnico basco di fronte all'ondata di positivi improvvisi aveva dichiarato che a suo parere la partita contro il Brentford avrebbe dovuto essere rinviata e ora si augura che i suoi giocatori possano vaccinarsi al più presto: "Stiamo cercando di spiegare tutti i motivi per cui questa è la cosa giusta da fare. Prima di tutto proteggerà il club e in secondo luogo i  compagni di squadra, l'ambiente con cui sono in costante contatto e l'esposizione che dovranno affrontare se non sono vaccinati".

Arteta ha concluso il suo intervento affermando: "D'altra parte, qual è la cosa migliore per il club e la squadra se non ridurre al minimo il rischio che un giocatore contragga il virus o lo trasmetta a qualcun altro? Però è una questione personale, non è un obbligo e dobbiamo rispettarlo".

La Nazionale inglese infestata dalle fandonie no vax: "È un complotto per spiarci"
La Nazionale inglese infestata dalle fandonie no vax: "È un complotto per spiarci"
I giocatori no vax dell'Hertha Berlino devono pagarsi i tamponi: il club tedesco cambia strategia
I giocatori no vax dell'Hertha Berlino devono pagarsi i tamponi: il club tedesco cambia strategia
L'NBA ha un grosso problema con i giocatori no-vax: braccio di ferro per l'obbligo vaccinale
L'NBA ha un grosso problema con i giocatori no-vax: braccio di ferro per l'obbligo vaccinale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni