La tremenda batosta rimediata a Marassi contro la Fiorentina, ha cancellato l'impresa di Torino e fatto ripiombare la Sampdoria in piena zona retrocessione. Non è ovviamente un buon momento per la squadra di Claudio Ranieri, che ora è attesa da tre partite molto delicate: in trasferta con l'Inter, al Ferraris con l'Hellas Verona e allo stadio Olimpico contro la Roma. In attesa di capire se Quagliarella e compagni riusciranno a risollevarsi, nelle ultime ore ha preso la parola anche Massimo Ferrero per fare chiarezza sulla situazione societaria.

Contestato da tutta la tifoseria blucerchiata, il presidente ha commentato le ultime vicissitudini della società dopo l'addio del vicepresidente vicario Paolo Fiorentino e le indiscrezioni di un presunto scioglimento dell'intero consiglio d'amminstrazione: "Non solo la società è solida ma abbiamo tutti i piedi ben piantati per terra – ha dichiarato Ferrero a ‘Telenord' – C’è stato tanto rumore per nulla: si è solo dimesso un consigliere per motivi personali. Faccio un appello: state vicini alla squadra e chiedo a tutti di non destabilizzare l’ambiente".

Le parole del ds Osti

Nelle ultime ore è inoltre arrivata la smentita di un ipotetico coinvolgimento di Alessandro Ruggeri: imprenditore ed ex presidente dell’Atalanta. "In relazione alle notizie apparse su alcuni media – ha comunicato all'Ansa – smentisco un mio coinvolgimento nell’acquisizione dell’UC Sampdoria". La preoccupazione della tifoseria, oltre alle vicende societarie, è soprattutto per ciò che la formazione di Ranieri non è ancora riuscita a fare in campo.

"La squadra dovrà reagire in modo migliore, facendo tutti quadrato perché questo è un momento delicato e nei momenti delicati si esce tutti assieme – ha spiegato il ds Osti, al termine della gara con la Fiorentina – Noi sappiamo che il nostro obiettivo è la salvezza ed è di importanza fondamentale. Sarà difficilissimo però sappiamo anche che abbiamo i mezzi per arrivare a raggiungere questa salvezza".