Stava per fare gol alla Djorkaeff. In rovesciata e a pochi passi dalla porta. Ci fosse stato il pubblico a San Siro, sarebbe venuto giù lo stadio per il clamore suscitato da Andrea Ranocchia. Il difensore s'è esibito in questo atletico e tecnico contro la Sampdoria sfiorando il gol in maniera clamorosa. "Avrebbe potuto cambiare il calcio per sempre", è il commento di un tifoso su Twitter. E ancora: "Se Ranocchia segnava a rovesciata ci davano la seconda stella di diritto".

Il tam tam della Rete è partito da lì, come forma di omaggio social nei confronti di un calciatore mai fuori posto, sempre pronto utile alla causa. I compagni di squadra in panchina applaudono e sorridono: c'è gloria anche per lui in questo finale di stagione che per l'Inter è un ‘pasillo' d'onore.

È un’emozione incredibile, anche oggi c’erano tanti tifosi ad accoglierci – la gioia di Ranocchia espressa a Sky -. Dopo tanti anni è un sospiro di sollievo, abbiamo fatto qualcosa di incredibile, siamo orgogliosi, fieri e molto contenti.

Il numero 13 nerazzurro ne recita uno molto personale: lascia che a fine match D'Ambrosio, Perisic e Bastoni lo portino fuori dal campo in barella mentre lui se ne sta comodamente sdraiato a godersi il momento, la gioia, la soddisfazione per la conquista dello scudetto. "Frog questa è tua – le parole di un altro sostenitore nerazzurro – per non esserti mai tirato indietro quando venivi chiamato ma soprattutto per non esserti mai lamentato delle numerose partite in panchina".

Il quasi gol in rovesciata e molto altro. Vedere Ranocchia scattare in sovrapposizione sulla corsia di sinistra ha fatto strabuzzare gli occhi. Succede anche questo nel match contro la Sampdoria. Sulle ali dell'entusiasmo il difensore, spesso nel mirino per alcune sbavature, diviene idolo social. Ma è tutto vero? Roba da pizzicotto sulla guancia. "Ho visto un gol di Gagliardini, una rovesciata di Ranocchia, un gol di Pinamonti, ora manca solo un rigore parato da Radu", le parole di un tifoso incredulo e contento.