298 CONDIVISIONI
22 Settembre 2022
21:40

Ranocchia dice basta, l’ex difensore lascia il calcio e annuncia il ritiro sui social: “End game”

L’ex difensore di Inter e Monza ha annunciato il ritiro dal calcio. Ranocchia mercoledì scorso aveva rescisso il contratto con il Monza. L’addio dovuto anche a un serio infortunio.
A cura di Alessio Morra
298 CONDIVISIONI

Andrea Ranocchia lascia il calcio. L'ex difensore dopo la rescissione consensuale con il Monza ha deciso di ritirarsi. L'annuncio lo ha dato lo stesso calciatore con un messaggio sui suoi profili social. Ranocchia aveva subito infortunio durante la prima partita giocata in campionato contro il Napoli.

Nelle ultime ventiquattro ore Ranocchia è stato grande protagonista, suo malgrado. Nella mattinata di mercoledì 21 settembre è arrivato l'annuncio del Monza che faceva sapere della rescissione consensuale con il calciatore, che aveva riportato un grave infortunio lo scorso agosto. Successivamente hanno iniziato a circolare voci di possibile ritiro. Contestualmente l'a.d. del Monza Galliani ha svelato che la rescissione è stata figlia di una decisione di Ranocchia, che ha definito un gran signore e una persona davvero perbene.

E adesso è arrivato anche l'annuncio ufficiale. Ranocchia lascia il calcio professionistico, lo fa a soli 34 anni e lo fa con un lungo video, di oltre venti minuti, postato con due post differenti su Instagram. "End Game" ha scritto e cioè "Fine del Gioco" per Ranocchia, che è stato un grande professionista ed ha avuto un'eccellente carriera.

Ranocchia ha pubblicato due video lunghissimi. Nel primo ha ringraziato la sua famiglia e anche gli amici che lo hanno sempre appoggiato, ma ha anche detto che l'ultimo anno e mezzo è stato molto complicato: "Ringrazio la mia famiglia, mia moglie Giulia, i miei figli, mi hanno dato supporto in tanti momenti, mi hanno dato tutto ciò che potevano darmi. Sarò riconoscente per sempre a loro, a tutti i miei amici, a tutti quelli che mi sono state vicino al di fuori del calcio. Sono veramente fortunato, dietro di me ho una squadra bella. L'ultimo anno e mezzo non è stato facilissimo, la passione per questo gioco è venuta sempre meno. Stava venendo meno anche a maggio quando ero ancora all'Inter, sentivo che c'era qualcosa che non mi tornava. Con la società, con il mister abbiamo deciso di separarci perché volevo nuovi stimoli e nuove passioni e nuove emozioni". 

Ranocchia impegnato con Luca Moro in Monza–Frosinone di Coppa Italia.
Ranocchia impegnato con Luca Moro in Monza–Frosinone di Coppa Italia.

Poi l'ex difensore ha parlato del Monza e del bel legame che si è venuto a creare subito con la società: "Ho avuto la fortuna, e sono riconoscente, al Monza che mi ha dato una nuova opportunità, da Galliani a Berlusconi, che mi hanno dato fiducia offrendomi un ottimo contratto per mettermi di nuovo in gioco. Purtroppo, all'inizio le sensazioni non erano buone, è come se mi si fosse spento qualcosa. All'inizio non volevo accettarlo, la passione portata avanti 30 anni è sparita. Ho cercato di impegnarmi ma non c'era più niente dentro di me, mi sono fatto tante domande, c'è stato poi il brutto infortunio a Napoli che mi avrebbe tenuto lontano dal campo per mesi. E se non hai la passione per poter tornare, con la fiducia che mi ha dato il Monza, ho ritenuto giusto non prendere in giro nessuno, me in primis. O do il 100% o niente. Ho sentito Galliani e gli ho espresso il mio malessere e la mia decisione, non volevo andare avanti a prendere in giro nessuno, sarei stato il primo a pagarne le conseguenze. Per dare una mano alla squadra, devi stare bene e non riesco più a farlo, non ho più niente da dare. Galliani è stato un signore, ha capito il momento e ci siamo lasciati da amici".

La carriera di Ranocchia. Quasi 400 partite da professionista, 21 con l'Italia, ha legato la sua carriera a diverse squadre. Ranocchia, nato ad Assisi nel 1988, ha esordito con l'Arezzo in Serie B ed è esploso con il Bari, vinse un campionato di B e poi divenne noto quando fece tandem con un giovane Bonucci. Poi passa al Genoa, appena sei mesi, eccellenti, prima di firmare per l'Inter che lo ha preso nel 2011 e lo ha lasciato libero solo la scorsa estate.

Andrea Ranocchia ha vinto 4 trofei con l’Inter: 1 Scudetto, 2 Coppa Italia e 1 Supercoppa Italiana.
Andrea Ranocchia ha vinto 4 trofei con l’Inter: 1 Scudetto, 2 Coppa Italia e 1 Supercoppa Italiana.

Dei nerazzurri è stato capitano e anche beniamino dei tifosi per la sua signorilità e per la sua professionalità. Degradato, è rimasto, e quando è stato chiamato in campo ha dato sempre il massimo. Con Conte ha vinto lo Scudetto, con Inzaghi Coppa Italia e Supercoppa Italiana. Ha vestito le maglie pure di Sampdoria e Hull City.

298 CONDIVISIONI
Goran Pandev annuncia il ritiro dal calcio:
Goran Pandev annuncia il ritiro dal calcio: "Mi guardo indietro e non sembra ancora vero"
La grandezza di Ranocchia:
La grandezza di Ranocchia: "Dei soldi non parlo per rispetto verso chi fatica ad arrivare a fine mese"
Santon piegato dal destino:
Santon piegato dal destino: "Sono costretto a smettere di giocare. Non voglio, ma devo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni