1.394 CONDIVISIONI
1 Gennaio 2023
10:11

Pelé aveva un armadietto chiuso: non è mai stato aperto, nasconde un oggetto misterioso

All’interno dello spogliatoio del Santos di Vila Belmiro c’è la postazione dedicata alla Perla Nera: nessuno sa cosa vi sia dentro, Pelé chiuse l’armadietto nel giorno della sua ultima partita con il club nel 1974 e portò via con sé la chiave.
A cura di Maurizio De Santis
1.394 CONDIVISIONI
L’armadietto di Pelé è rimasto chiuso da oltre 48 anni dopo la sua ultima partita con il Santos.
L’armadietto di Pelé è rimasto chiuso da oltre 48 anni dopo la sua ultima partita con il Santos.

Un oggetto misterioso che, dopo la morte di Pelé, ha alimentato la sua aura leggendaria. È un amuleto, qualcosa di intimamente legato alla storia del calciatore e del club: al Santos ne sono convinti ma non sono in grado di spiegare cos'è. Nessuno, nemmeno i vertici della società, sanno cosa c'è nel cofanetto chiuso dalla Perla Nera e custodito nell'armadietto mai più aperto dal 2 ottobre 1974.

O Rey lo serrò nel giorno dell'ultima partita con la maglia della squadra che ne aveva accolto il talento da ragazzino: c'è un oggetto che ha voluto lasciare lì dentro a suggello dell'addio a quella divisa che per lui aveva rappresentato tutto. È lì che era iniziato il suo sogno. È lì che la ginga, quel sentimento contagioso che dà un ritmo al calcio e lo trasforma in una danza magica, gli ha ricordato come la sua classe fosse nulla senza quell'anima brasiliana. È lì che la sua gente sarebbe esplosa in moti di piazza se fosse andato via cedendo alle lusinghe dei club europei (l'Inter di Angelo Moratti fu costretta a stracciare un contratto già firmato).

Nessuno sa cosa vi sia all’interno dell’armadietto: Pelé portò via con sé la chiave dopo aver lasciato il Santos.
Nessuno sa cosa vi sia all’interno dell’armadietto: Pelé portò via con sé la chiave dopo aver lasciato il Santos.

L'armadietto usato dal campione iridato della Seleçao (lo sarà per tre volte) non è mai stato più toccato da oltre 48 anni. È situato nello spazio centrale dello spogliatoio, tra le mura di Vila Belmiro. E contiene quella confezione ‘speciale' nella quale Pelé, dopo il match contro il Ponte Preta, depose con cura un oggetto usato in occasione dei quella partita. La volontà di tenerlo segreto fu un desiderio specifico, espresso dal dieci brasiliano.

Alcuni degli oggetti di Pelé esposti nel museo del Santos.
Alcuni degli oggetti di Pelé esposti nel museo del Santos.

Cosa c'è in quello scrigno? Qual è il segreto che cela? La spiegazione di Rogério Zilli (curatore della collezione dedicata a Pelé) accresce misticismo e curiosità: "Le parole di Pelé erano molto semplici – ha ammesso a globo.com -. Finché il club conserverà questo oggetto avrà sempre molta fortuna intorno a lui". Ecco perché, nonostante i cambiamenti strutturali avvenuti nel corso del tempo, l'armadietto è stato sì ridipinto, né è stata curata la manutenzione durante il trattamento per il restauro, ma è rimasto intatto e chiuso così come lo aveva lasciato il giocatore. E nessuno del club ha la chiave per aprirlo.

"Non abbiamo mai pensato di farlo – ha aggiunto il presidente del Santos, Andres Rueda -. Parleremo con la famiglia e decideremo cosa fare. Se questo mistero avrà una soluzione oppure resterà tale". Quella reliquia che nessuno sa cosa sia è una delle principali attrazioni del tour all'interno dello stadio. Quando i visitatori passano lì davanti e vedono quella piccola porta chiusa restano con lo sguardo fisso per qualche attimo. E restano rapiti da quella magia.

1.394 CONDIVISIONI
Uno degli ultimi pensieri di Pelé è stato per Messi:
Uno degli ultimi pensieri di Pelé è stato per Messi: "In ospedale tutti fingevano orrore"
Allegri si sfoga:
Allegri si sfoga: "Mai nessuno è stato trattato come la Juve, nello spogliatoio qualcuno piangeva"
Folle lancio di oggetti in Europa League, Dmitrovic ko: Rakitic mostra il bottino della vergogna
Folle lancio di oggetti in Europa League, Dmitrovic ko: Rakitic mostra il bottino della vergogna
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni