Gervinho può lasciare il Parma. L'allenatore Roberto D'Aversa ha raccontato gli ultimi, surreali giorni vissuti dall'attaccante ivoriano nel più completo anonimato: "Gervinho non è convocato perché negli ultimi tre allenamenti non si è presentato. Mi aveva parlato della possibilità di un trasferimento, quattro giorni fa, credo sia stato venduto. Per me era un giocatore importante, ma è più importante il gruppo che ho disposizione". Il trentaduenne attaccante ivoriano, rientrato in Italia dopo le due stagioni in Cina, è infatti ad un passo dal trasferirsi in Qatar e accettare la proposta ‘irrinunciabile' dell'Al-Saad allenata dall'ex giocatore del Barcellona Xavi.

La conferma del direttore sportivo Faggiano

A confermare l'ormai più che probabile divorzio, erano state anche le parole del direttore sportivo Daniele Faggiano: "Qualcuno lo ha richiesto, è inutile nasconderci – ha spiegato a Sky Sport – Penso che a lui piaccia molto cambiare aria ogni tanto. Ci crea disagio tenere un giocatore che vuole andare via. Non so se va via per i soldi o perché vuole cambiare modo di lavorare". L'acquisto delle ultime ore di Caprari, già in viaggio per raggiungere il gruppo di D'Aversa, è invece la mossa del club ducale fatta proprio per sostituire l'ex giocatore della Roma.

I dettagli della trattativa

Secondo le ultime indiscrezioni di mercato, il club qatariota avrebbe offerto a Gervinho 3,5 milioni di euro netti per un anno e mezzo più un'opzione per il secondo. Per il cartellino del giocatore, al Parma è stata invece inviata una proposta intorno ai cinque milioni di euro più bonus: una cifra vicina a quei sette milioni (bonus inclusi) che aveva inizialmente chiesto la società emiliana. Le due parti sarebbero dunque al lavoro per trovare il giusto compromesso e per mettere nero su bianco il passaggio dell'ivoriano all'Al-Saad.