Minuto numero 18 della gara tra Juventus e Verona, sono gli scaligeri a sorprendere i padroni di casa con un guizzo di Di Carmine su rigore. È uno dei due episodi da moviola che scandiscono i primi 45 minuti di gioco. La squadra di Juric inizia il match senza timori reverenziali e prova così a contenere la prevedibile sfuriata dei bianconeri. Ironia della sorte a passare in vantaggio per prima sarà proprio l'Hellas che sfrutta un'incursione dell'attaccante in area bianconera: nell'occasione Demiral si rende protagonista di un intervento scomposto, per l'arbitro La Penna non c'è alcun dubbio e assegna il tiro dal dischetto.

Il Var conferma la decisione di La Penna ma Demiral sbaglia il rigore

Decisione giusta che riceve anche l'avallo del Var. Rocambolesca l'esecuzione del penalty: lo stesso Di Carmine s'incarica della battuta ma angola troppo la traiettoria e la palla sbatte sul legno, la raccoglie Lazovic e centra la traversa. Ci penserà Veloso poco dopo a siglare lo 0-1 con una conclusione dalla distanza pazzesca.

Contatto con Faraoni, CR7 chiede un rigore ma l'arbitro lo nega

Tre minuti prima era stato un altro episodio a far discutere e soprattutto a sollevare le proteste della Juventus, in particolare di Cristiano Ronaldo. Cosa è successo e perché CR7 trova ragioni di protesta? Il campione portoghese cade in area dopo un contatto ‘pericoloso' con Faraoni (minuto numero 15) ma per il direttore di gara il fallo non c'è e quel contrasto viene reputato null'altro che un normalissimo scontro di gioco. Il Var non interviene, la decisione del fischietto prende il sopravvento con i bianconeri che si lamentano vivacemente. Due gli ammoniti del primo tempo: Giallo per Rrahmani per un brutto fallo su Dybala; sempre la Joya è fermata duramente ma da Kumbulla che ferma con le ‘cattive maniere' l'argentino.

Penalty netto per i bianconeri: Gunter stende Cuadrado

Sono passati pochi minuti dall'inizio della ripresa e questa volta l'arbitro La Penna decreta il tiro dal dischetto per la Juventus. È Guntera a farsi trovare impreparato e stende Cuadrado. Decisione inevitabile da parte del direttore di gara di fronte a un episodio così netto.

Giusto il rosso a Kumbulla, Rrahmani graziato per il colpo a Higuain

Nel recupero il Verona resta in dieci uomini per il cartellino rosso a Kumbulla: il calciatore del Verona atterra Matuidi lanciato a rete poco prima dell'ingresso in area, secondo giallo e via nello spogliatoio. Dubbio invece il contatto tra Amir Rrahmani e Higuain, con il giocatore dell'Hellas che rifila un colpo al volto all'argentino.