La partita tra Lecce e Bologna non passerà alla storia del campionato per la bella doppietta di Orsolini, che continua a crescere e sogna la convocazione a Euro 2020, ma per la clamorosa lite tra il tecnico dei rossoblu Sinisa Mihajlovic e il cileno Gary Medel, centrocampista del Bologna. Non è una rarità assoluta vedere un allenatore e un calciatore della stessa squadra litigare, ma comunque colpisce parecchio, considerato anche tutto quello che ha vissuto negli ultimi mesi Mihajlovic.

Le parole di Orsolini e di De Leo, vice del Bologna, sulla lite tra Mihajlovic e Medel

Dopo la partita Mihajlovic non ha parlato, lo ha fatto invece uno dei suoi due collaboratori De Leo, tattico del Bologna, che ha dato un’interpretazione della lite tra il tecnico e Medel:

A Sinisa piace accendere la scintilla e in questo caso lo ha fatto con Medel che è il più focoso del gruppo. Ci ha fatto bene da quel punto di vista, comunque negli spogliatoi si sono parlati e adesso è tutto chiarito.

Poi del confronto serratissimo ha parlato anche Orsolini che con ironia ha dichiarato:

Gary è stato coraggioso. Lui e il mister si sono capiti. Io non ho visto bene, c'è stato un parapiglia con i giocatori del Lecce, ma nello spogliatoio poi si sono parlati e ora è tutto ok.

Che litigata tra Mihajlovic e Medel

Cosa è successo esattamente durante Lecce-Bologna? Al 40’ c’è uno scontro di gioco molto duro tra Tachtsidis e Medel, il greco commette fallo, il cileno va giù e reagisce. Mihajlovic è lì vicino, vede tutto e rimprovera il suo calciatore, che da lì a poco sarà ammonito dall’arbitro Abisso. Medel non ci sta e risponde a tono a Mihajlovic, che come ai bei tempi non si tira indietro e con veemenza risponde al cileno. La partita ricomincia, ma l’ex giocatore dell’Inter pur giocando si gira verso la panchina e continua a dire qualcosa di poco elegante al tecnico, durante l’intervallo arriva la pace definitiva. Il Bologna dopo quell’acceso confronto ha segnato tre gol in meno di mezz’ora.