120 CONDIVISIONI
15 Aprile 2022
0:11

La vendetta di Tammy Abraham, gol e sfottò al Bodo: “Niente palle di neve a Roma”

Dopo quanto successo in Norvegia, nel match di ritorno dei quarti della Conference League l’attaccante della Roma Tammy Abraham si è preso la sua personale rivincita contro il Bodo Glimt e i suoi tifosi con un gol importantissimo e un chiaro sfottò nei confronti dei norvegesi al termine della gara dell’Olimpico.
A cura di Michele Mazzeo
120 CONDIVISIONI

La Roma chiude la pratica Bodo Glimt con un netto 4-0 che mette fine a tutte le polemiche e le tensioni nate dopo la gara d'andata in Norvegia e vale la semifinale di Conference League. Il protagonista del match dell'Olimpico è stato Nicolò Zaniolo autore di una tripletta, ma un ruolo importante se lo è ritagliato anche Tammy Abraham che continua a macinare record in questo suo primo anno in giallorosso e cogliendo l'occasione per togliersi anche qualche sassolino dalla scarpa.

Al centravanti britannico bastano infatti appena cinque minuti di gioco per portare in vantaggio i capitolini segnando quello che è il suo 24° gol stagionale diventando così il giocatore, insieme a Rodolfo Volk (quasi un secolo fa), ad aver segnato il maggior numero di reti alla prima stagione all'ombra del Colosseo, oltre a diventare il terzo calciatore giallorosso a raggiungere tale score in un singolo anno nel nuovo millennio (gli altri due sono Edin Dzeko e Francesco Totti).

Un gol da record dunque per dare il via alla magica serata della Roma che elimina il Bodo Glimt prendendosi la vendetta per le due sconfitte rimediate in Norvegia (sia nel girone che nella gara d'andata) ma anche e soprattutto per l'accoglienza ricevuta la scorsa settimana a Bodo sia da parte dei tifosi norvegesi (che oltre agli insulti durante l'incontro hanno lanciato palle di neve ad alcuni calciatori giallorossi, tra cui proprio Abraham, e poi anche a José Mourinho fuori dallo stadio) che dalla squadra di casa con la grande tensione scaricata poi nel tunnel degli spogliatoi con la rissa tra l'allenatore Knutsen e il preparatore dei portieri dei capitolini Nuno Santos (entrambi sospesi dalla Uefa in attesa che la Commissione Etica e Disciplina emetta il proprio verdetto a riguardo).

Una vendetta che Tammy Abraham voleva fortemente ed ha quindi assaporato con gusto come dimostrano gli sfottò rivolti alla formazione avversaria dopo la partita. Rientrando nel tunnel degli spogliatoi all'Olimpico l'inglese ha infatti urlato "This is our fu**ing home!!!" ("Questa è la nostra fo***ta casa!!!") rivolgendosi evidentemente ai norvegesi. E, una volta entrato nello spogliatoio, lo sfottò nei confronti del Bodo Glimt è proseguito con il centravanti che ha preso il suo smartphone e sui propri profili social ha pubblicato un post di scherno che fa chiaro riferimento al trattamento ricevuto nel match d'andata: "No snowballs in Rome. Semis finals here we come!! Dajeeeee" ("Non ci sono palle di neve a Roma. Semifinali arriviamo") sono state infatti le parole scelte da Abraham per festeggiare questo trionfo giallorosso e prendersi la sua personale rivincita.

120 CONDIVISIONI
Gnonto a 18 anni dà lezioni di umiltà:
Gnonto a 18 anni dà lezioni di umiltà: "Il gol non mi serve a niente dopo una sconfitta così"
Bale alla Roma, si è mosso personalmente Mourinho: il contatto che fa sognare i giallorossi
Bale alla Roma, si è mosso personalmente Mourinho: il contatto che fa sognare i giallorossi
Zaniolo e quel segnale che i tifosi della Juve aspettavano: una storia su Instagram
Zaniolo e quel segnale che i tifosi della Juve aspettavano: una storia su Instagram
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni