"Inside the derby". La Roma vuole portare i tifosi all'interno dell'atmosfera del derby nonostante non vi sia la possibilità. Il club giallorosso ha venduto 40mila biglietti virtuali per il derby della Capitale contro la Lazio e il ricavato andrà alla coreografia di domani e per le attività di "Roma Cares", fondazione che si occupa di promuovere valori educativi e positivi nello sport. Sugli spalti dello stadio Olimpico non ci saranno davvero i tifosi, come previsto dalle regole per il contenimento del Covid-19, ma quello messo in campo dalla società capitolina è un progetto per contribuire alla coreografia nella sfida contro i biancococelesti e si unisce a quello denominato ‘A Scuola di Tifo', che la Onlus sta portando avanti da tempo.

Ai tifosi che hanno comprato un tagliando verrà regalata una maglietta, un voucher da utilizzare presso alcuni Roma Store e ci sarà la possibilità di partecipare all'estrazione di alcuni premi. I numeri che fanno sapere dal club giallorosso sono quelli delle grande occasioni, visto che sono andati esauriti i settori di Curva Sud, Distinti, Tribuna Tevere e anche i posti in Monte Mario.

Un'iniziativa legata sia al derby che alle attività della fondazione, impegnata da quando è stata creata nel 2014 in progetti e campagne per il sostegno e la crescita dei bambini e dei giovani in situazioni disagiate. Questo il comunicato apparso sul sito del club giallorosso ed è stata pubblicizzata sui canali social della società con un ottimo impatto su tutta la tifoseria della Magica: "Inside the Derby è la tua occasione per sostenere la Roma anche se non puoi essere allo stadio. Scopri come puoi far sentire la tua vicinanza alla squadra e aiutare Roma Cares. Acquista il tuo biglietto virtuale a soli 2€. Sosterrai il progetto «A scuola di tifo» e sarai parte della coreografia che stiamo preparando per il derby".

Il progetto ‘A Scuola di Tifo' punta alla sensibilizzazione degli studenti della Capitale sui temi sociali più importanti e viene portato avanti lo stesso nonostante la pandemia: l'ultimo a prendere parte ad un incontro è stato qualche giorno fa Borja Mayoral che ha incontrato online i 33 alunni di quinta elementare dell'Istituto Comprensivo Domenico Bernardini di Roma per il progetto intitolato a Willy Monteiro Duarte, ragazzo ucciso a Colleferro durante un pestaggio nel tentativo di difendere un amico in difficoltà.