28 Settembre 2022
15:08

La risposta disarmante di Mancini: “Perché sono rimasto in Nazionale? Non lo so”

L’Italia si è qualificata per la finale di Nations League ma Mancini è ancora dispiaciuto per la mancata qualificazione ai Mondiali e ha risposto in modo sorprendente a una domanda sul perché è rimasto dopo c.t. dopo la sconfitta con la Macedonia.
A cura di Alessio Morra

La mancata qualificazione ai Mondiali 2022 è uno smacco che l'Italia faticherà a togliersi di dosso, almeno fino all'anno nuovo. Roberto Mancini dopo la partita con l'Ungheria che aveva portato la Nazionale per la seconda volta consecutiva nella Final Four di Nations League invece di essere raggiante, per un risultato splendido e comunque non scontato, ha mostrato tutto il suo disappunto e ha fatto capire a chi stava seguendo quell'intervista tv quanto è grossa la ferita, che è ancora aperta, e di mesi da quell'eliminazione con la Macedonia ne sono passati sei. E in intervento al Social Football Summit il tecnico degli Azzurri è tornato sull'argomento e ha dato una risposta sorprendente.

L'Italia è in Final Four di Nations League, un bel risultato, che però non ha riportato il buonumore a Mancini che dopo l'incontro della Puskas Arena ha dichiarato: "Bisogna scavallare dicembre. È importante aver raggiunta la Final Four per la seconda volta, però purtroppo il resto rimane, non c'è niente da fare. Abbiamo rimesso in piedi il gruppo ma senza Mondiale sarà dura". 

Il commissario tecnico non nasconde il rammarico e lo confessa in diretta TV.
Il commissario tecnico non nasconde il rammarico e lo confessa in diretta TV.

Il Mondiale 2022 era un grande obiettivo, ma gli Azzurri lo vedranno per la seconda volta di fila da spettatori. Il c.t. dell'Italia ha partecipato al Social Football Summit nel quale ha risposto a una serie di domande, compresa quella sulla sua permanenza in Nazionale. In tanti si aspettavano l'addio dopo il ko con la Macedonia: "Perché sono rimasto dopo la mancata qualificazione? Sinceramente non lo so. In quel momento volevo solo girare pagina".

Mancini davvero mostra le proprie emozioni in questi giorni e giustamente non dimentica il titolo vinto a Wembley e pensa al futuro: "Vincere l'Europeo dà una gioia incredibile. Ora dobbiamo aspettare qualche anno e poi vogliamo riprovare quelle emozioni".

Roberto Mancini è c.t. dell’Italia da quattro anni.
Roberto Mancini è c.t. dell’Italia da quattro anni.

La Final Four di Nations League è un bel traguardo, ma per ora è un brodino: "Siamo contenti per quello che è successo in questa settimana. Ma purtroppo è un brodino in confronto a ciò che abbiamo passato negli ultimi mesi. Non mi passa perché non meritavamo l'esclusione dal Mondiale. L'Inghilterra che abbiamo battuto a San Siro potrebbe vincere il Mondiale, ma anche l'Ungheria era veramente forte. I ragazzi hanno messo tutto in un momento in cui la condizione non è al massimo peraltro". 

Chi è Simone Pafundi, il pupillo di Mancini che a 16 anni è già arrivato in Nazionale
Chi è Simone Pafundi, il pupillo di Mancini che a 16 anni è già arrivato in Nazionale
Pafundi è una luce in mezzo al buio dell'Italia, a 16 anni ha stregato Mancini:
Pafundi è una luce in mezzo al buio dell'Italia, a 16 anni ha stregato Mancini: "Grandi qualità"
Fagioli, Pafundi e Pinamonti arricchiscono la colonia degli esordienti di Mancini: ora sono 54
Fagioli, Pafundi e Pinamonti arricchiscono la colonia degli esordienti di Mancini: ora sono 54
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni