In vista della prossima stagione potrebbero essere tanti i volti nuovi in casa Juventus. Nella lista dei possibili partenti c'è il nome di Sami Khedira, che è stato costretto a saltare quasi interamente le ultime due stagioni a causa di tanti infortuni e ha un ingaggio da 6 milioni netti a stagione. Il centrocampista tedesco è finito spesso nel mirino dei tifosi per la sua fragilità e dopo le tante ipotesi degli scorsi mesi ci sono stati i contatti tra l'entourage del calciatore e la società bianconera che avrebbe offerto la risoluzione del contratto per risparmiare sull'ingaggio e accettando di non fare cassa dalla sua cessione. Insomma, a corso Galileo Ferraris non vedono l'ora di alleggerire il bilancio e per farlo devono cercare di portare a casa qualche addio "pesante". Ad accelerare questo addio potrebbe esserci la mancata iscrizione del calciatore nella lista per la Champions League.

Quella tra Khedira e la Juve è una storia che va avanti dal 2015 ma segnali di rottura c'erano già stati: nell'estate del 2018 il calciatore tedesco si era accordato con il Paris Saint-Germain ma Massimiliano Allegri aveva bloccato tutto e per il numero 6 bianconero era arrivato un rinnovo da 6 milioni di euro netti fino al 2021. Il cambio di proprietario della panchina della Vecchia Signora sembrava il preludio dell'addio di Khedira al club campione d'Italia in carica e la Juve aveva trovato anche alcune offerte tra Turchia, Germania e Premier League ma il tedesco non si è mai detto convinto di quelle proposte e nel corso della pre-season Maurizio Sarri chiese alla dirigenza di non far andare via il calciatore ex Real Madrid.

Già la scorsa estate la Juventus aveva messo sul tavolo la risoluzione del contratto e questa sembra essere la strada che verrà percorsa adesso: il dialogo per la rescissione è ripartito e questa volta non ci sarà Sarri a interromperli: le strade della Juve e di Khedira potrebbero separarsi presto.