Matthijs de Ligt, difensore della Juventus, nella giornata di mercoledì ha subito un intervento chirurgico di stabilizzazione della spalla destra. L'olandese è stato operato all'UPMC Salvador Mundi di Roma. L'intervento è stato eseguito dal dottor Volker Mushal, alla presenza anche del responsabile sanitario della Juventus Luca Stefanini. L'operazione è perfettamente riuscita. Il comunicato del club: "Questa mattina Matthijs de Ligt è stato sottoposto a intervento chirurgico di stabilizzazione della spalla destra, presso la clinica UPMC Salvator Mundi di Roma. L’intervento eseguito dal dottor Volker Mushal, coadiuvato dai dottori Bryson Lesniak e Fabrizio Margheritini, alla presenza del responsabile sanitario della Juventus Luca Stefanini, è perfettamente riuscito. I tempi di recupero sono di circa 3 mesi".

La Juve perde de Ligt per tre mesi

L'olandese è stato eroico, ha giocato con una spalla ko per mesi. Per la prima volta ha subito un infortunio nel mese di novembre, poi la spalla gli è uscita nell'incontro con il Sassuolo, disputato nel mese di luglio. Ora con la stagione terminata de Ligt è stato operato, e ora dovrà fermarsi per ben tre mesi, che sono tantissimi, nonostante per oltre un mese la Juve non giocherà gare ufficiali.

Quante partite non disputerà de Ligt con la Juventus

Se lo stop sarà realmente di tre mesi il nuovo allenatore Andrea Pirlo non avrà a disposizione per tanto tempo uno dei migliori difensori al mondo. Perché se è vero che il campionato inizierà il 19 settembre (circa tre o quattro settimane rispetto al solito). L'olandese comunque rischia di saltare la bellezza di dieci partite – sette di Serie A e tre di Champions League, e ovviamente non sarà disponibile nemmeno per le gare dell'Olanda, inclusa la sfida di Nations League con l'Italia di settembre.