Il giorno dopo l'aritmetica retrocessione in Serie B, Parma e il Parma Calcio si sono svegliati in un ambiente molto pesante. La sconfitta per 1-0 in casa del Torino ha decretato la fragorosa caduta in ‘cadetteria' dopo la risalita straordinaria, tre promozioni in tre stagioni, che aveva seguito il fallimento della società emiliana del 2015: oggi è una brutta giornata per la città emiliana e per tutti i suoi tifosi. Sui muri del centro sportivo di Collecchio stanotte sono comparse alcune scritte da parte dei tifosi gialloblù, delusi per l'addio alla massima serie, che fotografano in maniera abbastanza eloquenti la rabbia e la frustrazione dei fan gialloblù: di fronte agli impianti di allenamento sono comparse frasi come "Parma vi schifa" e "Ora..Fuori bastardi".

Una stagione che è nata sotto la cattiva stella e si è conclusa nel peggiore dei modi per il Parma, che dopo quattro anni dal ritorno nel massimo campionato di calcio italiano torna in Serie B. Un cammino che è sempre apparso segnato per i ducali, che non sono mai parsi in grado di invertire la rotta e di risalire la china: il cambio in panchina e la campagna acquisti non hanno aiutato i gialloblù a cambiare marcia e i risultato sono sotto gli occhi di tutti. Al primo anno della presidenza di Kyle Krause è arrivata la prima cocente delusione.

C'è grande amarezza nella città emiliana e, nonostante nulla lasciasse pensare ad un epilogo diverso, il risultato acquisito dal campo ha creato tanta delusione tra i tifosi gialloblù, che si sono sfogati per lo più sui social network dopo l'ennesima sconfitta rimediata a Torino. La retrocessione aritmetica potrebbe portare ad una definitiva spaccatura tra la squadra e la piazza, che si è sempre contraddistinta per civiltà ma he non ha per niente apprezzato la gestione di questa stagione.