Dopo il rinnovo di Stefano Pioli, a Casa Milan la dirigenza lavora senza soste per trovare l'accordo con Zlatan Ibrahimovic e fargli firmare il contratto anche per la prossima stagione. L'attaccante svedese, protagonista di queste ultime settimane rossonere, è infatti molto vicino a stringere la mano al Diavolo e a fermarsi nel capoluogo lombardo per giocare il campionato 2020/2021. Dopo le incomprensioni con Gazidis e le voci su Ralf Rangnick, lo svedese pare infatti aver trovato gli stimoli e, soprattutto, le rassicurazioni necessarie per continuare a scendere in campo con la maglia  milanista.

Oltre ai dieci gol segnati in questi mesi e all'evidente influenza positiva che ha avuto sui compagni, Ibrahimovic si sarebbe convinto anche grazie alla conferma di Pioli e grazie alla certezza che, anche nella prossima stagione, sarà ancora al centro del progetto rossonero. Tra gli ostacoli apparentemente superati, vi è inoltre anche quello legato al suo ingaggio: un dettaglio importante per il prosieguo della sua avventura a Milano.

I dettagli sul nuovo ingaggio e il feeling con Pioli

Le ultime indiscrezioni, parlano infatti di un accordo imminente sulla base di quattro milioni di euro netti più vari bonus legati a gol, presenze, al suo rendimento in Europa League e al raggiungimento dell'obiettivo più importante per la società del fondo Elliott: la conquista di un posto nella Champions League 2021-22.

"Sono sempre stato giovane, mai vecchio. Come Benjamin Button", ha scherzato l'attaccante di Malmoe dopo la vittoria contro la Sampdoria. Un successo che ha confermato l'ottimo lavoro di Pioli: "Posso dire solo cose positive su di lui – ha aggiunto Ibrahimovic a Milan TV – Sono contento per lui perché ha fatto un gran lavoro. Il rinnovo è meritato. La squadra crede tanto in lui e lo rispetta".