Mancano solo due giorni alla finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juventus in programma mercoledì al Mapei Stadium di Reggio Emilia e fervono i preparativi a tutti i livelli: sia da parte di squadre e giocatori, con i bianconeri decisi a mettere una pezza alla loro fallimentare stagione contro un avversario in grandissima forma, sia da parte degli organizzatori, con l'obiettivo che il ritorno del pubblico per un match di calcio in Italia dopo la pandemia vada nella miglior maniera possibile.

I biglietti messi a disposizione del pubblico pagante sono un numero ben più esiguo dei 4300 spettatori ammessi allo stadio, visto che una buona parte sono stati assegnati su invito. Ovviamente definiti i protocolli cui dovranno sottostare coloro che vorranno entrare nell'impianto: per poter assistere alla finale occorrerà presentare la certificazione di avvenuta vaccinazione con doppia dose, oppure di guarigione dal virus o ancora di un tampone effettuato nelle ultime 48 ore con esito negativo.

Ma nei giorni precedenti la finale ci si è messi al lavoro anche per scongiurare di assistere a scene surreali come quelle andate in scena giovedì scorso al Foro Italico durante il match degli Internazionali d'Italia di tennis tra Sonego e Thiem, quando il protarsi della partita al terzo set aveva indotto gli organizzatori a sospenderla alle 21.30, far rientrare i giocatori negli spogliatoi e procedere all'evacuazione degli spettatori dall'impianto, in modo che i presenti potessero tornare a casa senza incorrere nella violazione del coprifuoco fissato alle 22.

In questi giorni ferve la discussione a livello politico per spostare in avanti il coprifuoco di almeno un'ora, ma è certo che mercoledì saranno in vigore ancora le stesse disposizioni di adesso. Ecco quindi la necessità per la Lega di Serie A, che organizza la finale di Coppa Italia a Reggio Emilia con fischio d'inizio alle 20.45, di chiedere al Governo una deroga – come avrebbero dovuto fare anche gli improvvidi organizzatori degli Internazionali – per consentire a tutti gli spettatori presenti al Mapei Stadium di restare nell'impianto fino al termine della partita. Per poter fare ritorno a casa anche durante il coprifuoco, basterà il biglietto della partita con l'autocertificazione.