Daniele De Rossi ha deciso di lasciare il Boca Juniors e il calcio giocato. L'ex capitano della Roma, che pochi mesi fa si era trasferito in Argentina per realizzare il suo grande sogno di vestire la maglia delle ‘Xeneizes", ha ufficialmente comunicato la sua intenzione nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Buenos Aires. In occasione dell'incontro con i media argentini, De Rossi ha così confermato i motivi personali che lo hanno ‘costretto' a prendere questa decisione

"Ho bisogno di riavvicinarmi a mia figlia e riunire la mia famiglia – ha spiegato l'ex giallorosso – La mia figlia maggiore è rimasta in Italia e penso che una figlia ha bisogno del padre vicino. Ho bisogno di avvicinarmi a lei. Dico addio a un club che mi è entrato nel cuore ma anche a tutta la mia vita finora, al mio sport. Sono triste, avrei voluto giocare altri 10 anni. Sicuramente continuerò a lavorare nel calcio in Italia, non so con quale ruolo. La Roma? È tutto il mio cuore ed è un'altra cosa, ma lascio una parte di cuore qui al Boca Juniors. Ho capito cosa vuol dire stare alla Bombonera quando gioca il Boca".

Il sogno di Daniele De Rossi

Nonostante il ‘pressing' dei compagni, che hanno fatto di tutto per convincerlo a restare in Argentina, De Rossi ha dunque preso la sua decisione definitiva. "Continuerò a essere sempre parte del Boca e chissà, magari le nostre strade si incontreranno di nuovo. La gente che ho incontrato qui in questi mesi ha trasformato questa esperienza in qualcosa di magico, anche più di quanto mi aspettavo. Hanno accolto me e la mia famiglia come fratelli – ha aggiunto Daniele De RossiNella mia testa c'è il desiderio di fare l'allenatore. Voglio studiare, imparare. Prenderò qualche mese di vacanza e approfitterò per fare visita ai migliori allenatori del mondo per imparare. Il calcio è stata la mia vita e continuerà ad esserlo".