Gol, esultanze originali e punti pesanti al Sassuolo. Si può riassumere così la stagione attuale di Francesco Caputo, Ciccio per tutti. L'attaccante dei neroverdi che anche ieri sera, contro la Juventus, è risultato essere decisivo ai fini del risultato con il gol del momentaneo 3-2. Caputo aveva anche messo a segno, neanche tre giorni fa, il gol vittoria all'Olimpico contro la Lazio lasciando i biancocelesti in un vortice di disperazione e realizzato la prima rete del pazzo 3-3 contro l'Inter a ‘San Siro". La sua terza stagione in Serie A è un autentico capolavoro: ben 17 gol e record personale di marcature nella massima serie superato (16 gol lo scorso anno con l'Empoli). Realizzando 1 solo gol su rigore. Mentre Immobile e Cristiano Ronaldo, rispettivamente a 29 e 28 gol, di rigori ne hanno segnati 11 (senza penalty Caputo sarebbe praticamente al loro stesso numero di reti). Cresciuto e maturato soprattutto nel campionato cadetto, oggi Caputo si gode la popolarità e il successo con il Sassuolo che vorrebbe portare, a suon di gol, fino in Europa League.

Ciccio Caputo vero trascinatore del Sassuolo

Una stagione che difficilmente dimenticherà Caputo che in pochi è riuscito a spegnere i sogni di gloria della Lazio e a spaventare la Juventus. Un vero e proprio incubo per le difese di Serie A e soprattutto di tre delle prime quattro squadre dell'attuale classifica (tranne l'Atalanta). Caputo è infatti riuscito ad andare in gol contro l'Inter a Milano nel pazzo 3-3 contro i neroazzurri, all'Olimpico contro la Lazio e nella sfida alla Juventus al ‘Mapei'. Ben 17 gol complessivi e 7 assist, superando il numero di reti dello scorso anno in A con l'Empoli, 16, che significa aver superato il proprio record personale di marcature in massima serie. In più, Caputo, è l'unico giocatore ad aver realizzato 1 solo rigore nelle prime 5 posizioni della classifica marcatori.

Con le grandi, Caputo pare abbia poi proprio il dente avvelenato. Nella stagione complessiva, sia all'andata che al ritorno, è riuscito a fare o assist o gol a Inter, Lazio e Juventus. Detto del ritorno, Caputo già all'andata, a Reggio Emilia, aveva punito i nerazzurri con un assist, nel rocambolesco 3-4 in favore degli uomini di Conte al ‘Mapei' lo scorso ottobre. Contro la Lazio invece, fu lui ad andare in gol nella vittoria esterna dei biancocelesti a Reggio Emilia. All'Allianz Stadium è stato poi protagonista di un gol nel 2-2 finale con cui il Sassuolo era già riuscito a fermare i bianconeri. La doppietta alla Roma a febbraio, in attesa del ritorno, a dare forza a questo dato che evidenzia la sua vena realizzativa con le big come un vero top player del nostro campionato.