332 CONDIVISIONI
14 Luglio 2021
14:04

Bonucci leader ai massimi livelli, dall’altra parte c’è lo Stato: “Abbiamo vinto la trattativa”

La parata trionfale della Nazionale italiana per le strade di Roma diventa un caso politico, dopo le durissime dichiarazioni del Prefetto della Capitale che parla di “patti non rispettati” dalla FIGC. Le parole di Leonardo Bonucci svelano la “trattativa vinta” dai giocatori per poter sfilare su un pullman scoperto, dal Viminale replicano di “non aver dato l’ok, solo una presa d’atto”.
A cura di Paolo Fiorenza
332 CONDIVISIONI

La parata fatta dai giocatori dell'Italia campione d'Europa martedì pomeriggio a Roma su un autobus scoperto – dopo essersi recati prima al Quirinale da Mattarella e poi a Palazzo Chigi da Draghi – è diventata un vero e proprio caso politico, alla luce delle durissime dichiarazioni del Prefetto di Roma Matteo Piantedosi in cui il responsabile dell'ordine pubblico nella Capitale ha accusato la FIGC di "non aver rispettato i patti". Alla Nazionale azzurra era stato infatti ribadito più volte che la richiesta di sfilare per Roma su un pullman scoperto "non poteva essere autorizzata" e fino all'ultimo questa linea è stata tenuta ferma. Anzi, quasi fino all'ultimo, ovvero fino a quando i ragazzi di Mancini non sono usciti dal Quirinale, primo dei due incontri istituzionali programmati, col Premier Draghi che li attendeva di lì a poco.

A quel punto c'è stato un primo tentativo di forzare una decisione diversa: Leonardo Bonucci ha discusso in maniera animata con alcuni responsabili della sicurezza che tuttavia hanno confermato il divieto di utilizzare il bus scoperto, provocando la replica del difensore della Juventus. "Se è così, non fateci andare neanche da Draghi e riportateci in albergo", avrebbe risposto Bonucci, come riportato dal Fatto Quotidiano. La minaccia non ha avuto seguito ed i giocatori sono saliti sul pullman – quello sì, coperto – che li ha portati da Draghi. Ebbene qualcosa è decisamente cambiato nei 45 minuti di percorrenza a passo d'uomo tra ali di folla di quei due chilometri che separano il Quirinale da Palazzo Chigi.

Un Bonucci trionfante è infatti sceso dal bus e ha detto ai giornalisti presenti: "Abbiamo vinto la trattativa, poi saliremo sul pullman scoperto, lo dovevamo ai tifosi". Una trattativa portata avanti evidentemente con chi avrebbe dovuto consentire la sfilata in questione, ovvero il Prefetto Piantedosi o la Ministra dell'Interno Lamorgese, insomma con lo Stato ai suoi massimi livelli. Dal Viminale – spiega il Fatto – precisano peraltro che "nessuno ha dato l'ok, abbiamo solo preso atto". Fatto sta che, come spiegato dal Prefetto, "c'erano migliaia di persone in attesa del giro in autobus, vietarlo avrebbe potuto creare problemi di ordine pubblico".

Più che una trattativa vinta, insomma, sembra più uno Stato che si è arreso. Il risultato è stato comunque il medesimo: i giocatori sono saliti sul pullman scoperto – che la Federcalcio aveva affittato fin da venerdì facendolo parcheggiare nelle vicinanze di Palazzo Chigi – ed hanno potuto tuffarsi nell'agognato bagno di folla.

332 CONDIVISIONI
L'odissea dei 4 argentini cacciati dal Brasile: sono in esilio dall'altra parte del mondo
L'odissea dei 4 argentini cacciati dal Brasile: sono in esilio dall'altra parte del mondo
"Ma dove vai, è dall'altra parte!" Il curioso retroscena dell'esordio di Dzeko con l'Inter
"Ma dove vai, è dall'altra parte!" Il curioso retroscena dell'esordio di Dzeko con l'Inter
"Ribery come Maradona", a Salerno sperano nel colpo grosso
"Ribery come Maradona", a Salerno sperano nel colpo grosso
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni