L'Atalanta ha travolto il Valencia nella gara d'andata degli ottavi di finale di Champions League. I nerazzurri hanno vinto per 4-1 nella gara di San Siro e ora vedono i quarti di finale. Hateboer ha realizzato una doppietta, Ilicic e Freuler hanno segnato entrambi un gol bellissimo. E ora Gasperini, mentre cerca di tenere sempre altissima la tensione, intravede i quarti di finale e può raggiungere questo grande traguardo con una squadra che è costata 42 milioni di euro.

Poker dell'Atalanta e quarti a un passo

L'Atalanta ha dominato a San Siro e ha battuto per 4-1 il Valencia. I nerazzurri sono a un passo dai quarti di finale, un traguardo che sarebbe storico per la squadra guidata da Gasperini, che sta compiendo un piccolo capolavoro. E poi chissà ai quarti tutto può succedere. Comunque andrà a finire l'Atalanta si prende tanti applausi anche considerando quanto è costato l'undici titolare che ha trionfato contro la squadra di Celades.

Quanto è costata la squadra dell'Atalanta

L'Atalanta storicamente è bravissima a pescare giocatori giovani e di grande talento, li prende a poco prezzo e poi li modella e li fa diventare dei big. 42,5 milioni di euro sono costati complessivamente gli undici calciatori schierati da Gasperini dal primo minuto. Quello più esoso è stato De Roon (13,5 milioni al Middlesbrough), mentre Gosens è stato pagato appena 900 mila euro.

  • Gollini: 3.8 milioni dall'Aston Villa
  • Toloi: 3.8 milioni dal San Paolo
  • Palomino: 4.5 milioni dal Ludogorets
  • Caldara: 0 (dal vivaio, in prestito dal Milan)
  • Hateboer: 1 milione dal Groningen
  • de Roon: 13.5 milioni dal Middlesbrough
  • Freuler: 2 milioni dal Lucerna
  • Gosens: 0.9 milioni dall'Heracles
  • Pasalic: 2 milioni (in prestito dal Chelsea)
  • G0mez: 5 milioni dal Metalist
  • Ilicic: 6 milioni dalla Fiorentina
    TOTALE: 42.5 milioni

Il modello Atalanta, le parole del presidente Percassi

L'Atalanta è senza dubbio un modello da imitare. I bergamaschi hanno osservatori in ogni angolo del mondo, pescano bene e fanno crescere anche i talenti del vivaio. Il presidente Percassi recentemente ha spiegato come la sua squadra opera sul mercato:

Come scegliamo i giocatori? Facciamo una selezione: il mister ci indica il ruolo, noi lavoriamo per tenere i conti in ordine. Quest'anno abbiamo avuto la forza e la fortuna di non vendere nessuno dei calciatori importanti e si sta notando.