24 Giugno 2021
17:17

5 partite celebri che potevano finire diversamente senza la regola del gol in trasferta

Dalla stagione 2021-2022 non varrà più la regola del gol in trasferta nelle coppe europee. Con questo nuovo regolamento tante partite sarebbero andate in modo diverso. Tra i casi più celebri ci sono anche il derby Milan-Inter della semifinale di Champions 2003 e Roma-Barcellona, sfida memorabile per il club giallorosso che con una remuntada eliminò Messi e compagni.
A cura di Alessio Morra

La Uefa ha abolito la regola del gol in trasferta nelle coppe europee. Un cambiamento epocale per Champions ed Europa League. Da oggi in poi se due sfide della fase a eliminazione diretta tra le stesse squadre termineranno (ad esempio) 1-1 2-2 non varranno i gol realizzati fuori casa e si andrà direttamente ai tempi supplementari (e poi eventualmente ai calci di rigore). E ora viene da chiedersi come sarebbero finite molte partite delle coppe europee, e ci sono delle contese che avrebbero potuto avere un esito completamente diverso, con risultati che avrebbero potuto modificare carriere di club, calciatori e allenatori.

Milan-Inter 2003

La Champions League del 2003 è stata dominata dall'Italia che portò in semifinali tre squadre. La Juventus eliminò il Real Madrid, mentre nell'altra semifinale si affrontarono l'Inter e il Milan. La partita disputata in casa dei rossoneri terminò 0-0, la settimana successiva sempre a San Siro. Segnarono Shevchenko e Martins, finì 1-1. Il Milan passò in finale che vinse poi ai rigori con la Juventus. Quattro pareggi consecutivi permisero ai rossoneri di vincere il trofeo.

Barcellona-Chelsea 2009

La carriera di Guardiola girò nella semifinale di Champions League del 2009. Al primo anno il tecnico catalano piazzò un grande doblete vincendo Liga e Copa del Rey ed ebbe un percorso netto in Champions fino alle semifinali. Al Camp Nou finì 0-0 con il Chelsea, che nella ripresa dominò e passò in vantaggio, il finale fu caotico, con un arbitraggio che generò numerose discussioni, Iniesta pareggiò al 93′, l'1-1 permise al Barcellona di passare il turno e di qualificarsi per la finale. Messi e soci si imposero poi 2-0 con il Manchester United all'Olimpico di Roma.

Bayern Monaco-Fiorentina 2010

Il punto più alto della Fiorentina dell'era Della Valle è rappresentato dalla doppia accesa sfida di Champions League con il Bayern Monaco. Le decisioni dell'arbitro svedese Orebro furono determinanti tanto quanto la regola dei gol in trasferta. Il Bayern perde 3-2 a Firenze, ma in casa vince 2-1. Il 4-4 totale è pesante per i bavaresi che passano il turno, eliminano poi pure Manchester United e Lione prima di arrendersi all'Inter di Mourinho.

Barcellona-Roma 2018

Nell'elenco delle partite da ‘sliding doors' c'è anche il quarto di finale della Champions League 2018 tra il Barcellona e la Roma. I catalani si imposero per 4-1 nella gara d'andata, mentre all'Olimpico i giallorossi si imposero per 3-0, con i gol di Dzeko, De Rossi e Manolas. La Roma ottenne una favolosa semifinale, venne eliminata dal Liverpool.

Juventus-Lione 2020

E nell'elenco c'è anche la doppia sfida tra la Juventus e il Lione della Champions League del 2020. Nella gara d'andata i francesi si imposero per 1-0 nella gara disputata a febbraio, mentre il ritorno, disputato nel mese di agosto, la Juventus vinse per 2-1 ma non riuscì a ottenere la qualificazione.

"Inghilterra-Danimarca da rigiocare per i due palloni in campo": la regola 5 spiega tutto
"Inghilterra-Danimarca da rigiocare per i due palloni in campo": la regola 5 spiega tutto
L'imperdonabile errore che costringerà l'Amburgo a giocare senza maglie da trasferta
L'imperdonabile errore che costringerà l'Amburgo a giocare senza maglie da trasferta
Brahim Diaz guida il Milan: gol e assist nel 5-0 al Modena
Brahim Diaz guida il Milan: gol e assist nel 5-0 al Modena
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni