9.467 CONDIVISIONI
16 Settembre 2021
17:06

L’estate straordinaria di Tamberi: l’ultimo salto lo porta in cima al Ranking Mondiale

La conquista della medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo e il successo in Diamond League proiettano il campione di salto in alto in cima alla graduatoria internazionale. In virtù dell’aggiornamento statistico l’atleta marchigiano è salito fino a quota 1415 punti. “Gimbo” s’è ripreso tutto quanto la malasorte gli aveva sottratto cinque anni fa.
A cura di Maurizio De Santis
9.467 CONDIVISIONI

Medaglia d'oro alle Olimpiadi di Tokyo nel salto in alto. Vittoria in Diamond League contrassegnata da quello slogan ("it's coming Rome") che ha accompagnato il trionfo dell'Italia agli Europei. A Gianmarco "Gimbo" Tamberi mancava ancora qualcosa per trasformare in straordinaria un'estate che gli ha restituito quanto la malasorte gli aveva sottratto a causa dell'infortunio alla gamba. Nel 2016 fu costretto a rinunciare ai Giochi di Rio in Brasile, cinque anni più tardi s'è ripreso tutto ciò che era suo: gloria, gioia, svettare sul podio più alto, dare un senso al lavoro e ai sacrifici fatti in allenamento, esorcizzando la rabbia mostrando al mondo quel gesso che gli era costato lacrime e lavoro perso. "Non è una semplice medaglia, è qualcosa in più" aveva detto nel Sol Levante commentando il suo exploit.

Qualcosa in più. Come avere sulla punta della lingua la parolina magica ma non riuscire a pronunciarla. Il classico pizzico di sale che dà il giusto sapore. Ci ha pensato la World Athletics a rendere eccezionale questo periodo dell'atleta marchigiano. Ha fatto un po' di conti, ridefinito la classifica e lo ha piazzato in cima al ranking mondiale aggiungendo al novero dei punti la somma necessaria per superare Maksim Nedasekau e volare più in alto di tutti ancora una volta. A fare la differenza è stata la vittoria di Zurigo oltre al meeting di Chorzow (Polonia). Agli Europei indoor era stato proprio il bielorusso a lasciargli le briciole e l'argento. Adesso, dopo un filotto di successi, è "Gimbo" a dominare da lassù.

I numeri non dicono tutto ma spiegano bene qual è il trend delle prestazioni e la progressione dei risultati tra pista e pedana. E i numeri incoronano l'azzurro che a Tokyo fece parlare di sé per l'oro e per l'abbraccio con un altro protagonista dell'Italia: Marcel Jacobs, oro nei 100 metri piani, la gara dei figli del vento. In virtù dell'aggiornamento statistico l'atleta marchigiano è salito fino a quota 1415 punti, +17 rispetto al suo avversario (1398) e con un buon margine di vantaggio anche su Mutaz Essa Barshim (vincitore ex aequo di Tokyo, 1366), sul russo Ilyva Ivanyuk (1364) seguito dal connazionale Mikhail Akimenko (1340).

9.467 CONDIVISIONI
Il pizzicotto sulla guancia di Tamberi: "Non avevo capito di aver vinto l'Olimpiade"
Il pizzicotto sulla guancia di Tamberi: "Non avevo capito di aver vinto l'Olimpiade"
L'Italia U21 vince i Mondiali di volley per la prima volta nella storia: demolita la Russia 3-0
L'Italia U21 vince i Mondiali di volley per la prima volta nella storia: demolita la Russia 3-0
Roberto Mancini è uno "scienziato dello sport": laurea honoris causa a Urbino
Roberto Mancini è uno "scienziato dello sport": laurea honoris causa a Urbino
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni