18.797 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
1 Agosto 2021
16:21

La favola di Tamberi, oro a Tokyo con quel gesso custodito 5 anni: “Per me significa tutto”

Gianmarco Tamberi ha festeggiato la medaglia d’oro nel salto in alto alle Olimpiadi di Tokyo a modo suo. Ha portato in pista il gesso con cui era stata immobilizzata la sua caviglia sinistra dopo l’infortunio rimediato nel 2016 un mese prima dei Giochi di Rio. Gimbo l’ha conservato per tutto questo tempo, in attesa del momento della sua rivincita sul destino: “Ricorda il giorno in cui ho deciso di provarci”.
A cura di Sergio Chesi
18.797 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Sulla pista del National Stadium di Tokyo ad un tratto è spuntato un gesso. Proprio nei momenti decisivi della finale del salto in alto, con Gianmarco Tamberi e il qatariota Barshim a giocarsi la medaglia d'oro che si sarebbero spartiti qualche istante più tardi. Quel gesso è il simbolo del trionfo di Gimbo. Un monumento alla resilienza, al sudore, al sacrificio di un'atleta che cinque anni fa si infortunava ad un mese dai Giochi Olimpici di Rio e oggi trionfa nella sua gara. Il lieto fine di una favola cominciata da un evento nefasto, per questo ancora più speciale da assaporare.

Tamberi abbraccia l'amico rivale Barshim, con cui si è diviso la medaglia d'oro, poi comincia a saltare incredulo sulla pista del National Stadium, prima di crollare a terra commosso e incredulo. A pochi passi da lui c'è quel gesso, che poi abbraccia e porta in trionfo. "Per me significa tutto – racconterà qualche istante più tardi ai microfoni Rai – Per me significa tutto. Mi ricorda il giorno in cui ho deciso di provarci".

Un giorno di luglio 2016. Mancano poche settimane alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, Tamberi è in forma, proprio come oggi, e sta superando se stesso. Salta a 2.39, poi tenta di superare i 2.41 ma si fa male nel tentativo. La diagnosi è impietosa: lesione al legamento della caviglia sinistra e stop forzato di quattro mesi. Addio ai Giochi, quelli a cui sarebbe arrivato tra i favoriti nella sua disciplina.

"Ho passato una settimana nel letto a piangere – ha ricordato pochi minuti dopo aver vinto l'oro a Tokyo -. Per giorni ho pensato di aver perso tutto quello per cui avevo lavorato, tutti i miei sogni". Da quello stesso letto di ospedale, in qualche modo, Gimbo trova la forza interiore per ripartire e costruire la sua rivincita. "Ero in ospedale il giorno in cui ho deciso di provarci – ricorda –. Ho scritto Tokyo 2020 sul gesso e già sapevo che vincere sarebbe stato qualcosa di incredibile".

E così è stato. Tamberi ha conservato gelosamente il gesso dell'infortunio per cinque anni, la più forte delle motivazioni per ripartire nel viaggio verso il suo sogno olimpico. E sono arrivati insieme a destinazione, lì dove hanno trovato un nuovo compagno di viaggio. La medaglia d'oro.

18.797 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni