1.063 CONDIVISIONI
Grande Fratello Vip 2021/2022
22 Marzo 2022
12:29

Signorini, il GF Vip e le critiche del web: “Violenza e cattiva fede. Ricciarelli non è razzista”

Alfonso Signorini, a bocce ferme, ha commentato l’edizione del Grande Fratello Vip che si è appena conclusa. Il conduttore ha rimarcato i momenti più difficili di un percorso durato sei mesi.
A cura di Daniela Seclì
1.063 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Grande Fratello Vip 2021/2022

Il Grande Fratello Vip è ormai finito, decretando la vittoria di Jessica Hailé Selassié. Alfonso Signorini, a bocce ormai ferme, ha rilasciato un'intervista a Tv, Sorrisi e Canzoni. Al momento, il conduttore sta riposando un po' dopo la lunga maratona di sei mesi. Ma a breve inizierà a lavorare sul cast della nuova stagione del reality.

GF Vip e la capacità di mantenere i nervi saldi

Nel corso dell'intervista, gli è stato chiesto cosa abbia imparato da questi sei mesi trascorsi al timone del Grande Fratello Vip. Il conduttore ha spiegato:

"Più che insegnarmi qualcosa, mi hanno fatto capire una volta di più che ho i nervi saldi. Il GF è un programma molto esposto e dibattuto soprattutto in rete, dove spesso sono violenti, superficiali e in cattiva fede. Nonostante io non sia per niente social, restare indifferenti a quello che ti arriva addosso è difficile, soprattutto quando sei in diretta e devi trasmettere serenità ed entusiasmo. Per riuscirci devi avere i nervi saldi".

Alfonso Signorini difende Katia Ricciarelli

Il conduttore non ha nascosto che il momento più difficile dell'edizione del Grande Fratello Vip è stato proprio assistere agli scivoloni dei personaggi che lui stesso ha fortemente voluto nella casa o vedere esplodere polemiche, a suo parere, prive di fondamento:

"Il momento più difficile? Vedere quando i personaggi che amo e ho voluto fortemente fanno degli scivoloni, come nel caso della Ricciarelli. Conoscendoli, mi dispiace perfino riprenderli. Katia è stata accusata di essere razzista perché ha detto alle principesse Selassié frasi come “tornatevene a casa vostra“. Io conosco Katia da 30 anni. Fu la prima a firmare una petizione internazionale negli anni 80, mentre era a New York per cantare la Tosca al Metropolitan, affinché la soprano Shirley Verret venisse reintegrata nel Macbeth, dal quale era stata esclusa perché di colore. Ti pare che una donna così possa essere tacciata di razzismo? Cosa dovevo fare, macchiarla a fuoco e sbatterla fuori? Quando succedono queste cose ci resti male".

Infine, ha assicurato che il suo periodo di riposo durerà giusto un mese: "Poi ricomincio a lavorare per la prossima edizione del Grande Fratello Vip".

1.063 CONDIVISIONI
1282 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni