479 CONDIVISIONI
Eurovision Song Contest 2022
13 Maggio 2022
18:36

Damiano dei Maneskin con le stampelle per un infortunio: “L’Eurovision? Ci sarò, stringo i denti”

Damiano David dei Maneskin ha avuto un infortunio. L’artista, tuttavia, ha assicurato che sarà sul palco dell’Eurovision Song Contest 2022, in occasione della finale del 14 maggio: “Ho cantato in condizioni peggiori, figuriamoci se mi fa paura una piccola distorsione alla caviglia”.
A cura di Daniela Seclì
479 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Eurovision Song Contest 2022

I Maneskin sono arrivati a Torino. La band si esibirà all'Eurovision Song Contest 2022, nel corso della finale in onda sabato 14 maggio. Damiano David si è presentato alla stampa zoppicante e accompagnandosi a una stampella. L'artista è caduto e ha preso una storta mentre girava un video.

Cosa è successo a Damiano David dei Maneskin

Damiano David ha avuto un piccolo infortunio, mentre si trovava a Londra a girare il videoclip della canzone Supermodel. In queste ore è arrivato in hotel a Torino e nonostante fosse zoppicante, si è fermato a fare foto con i fan che lo hanno preso d'assalto. Poi, insieme a Ethan Torchio, Victoria De Angelis e Thomas Raggi, ha incontrato la stampa e ha ironizzato: "Tranquilli, ho cantato in condizioni peggiori".

Damiano David si esibirà con i Maneskin nonostante la distorsione alla caviglia

I giornalisti, notando come si appoggiasse alla stampella, gli hanno chiesto se ritenesse di essere in grado di presenziare alla finale dell'Eurovision Song Contest 2022 e scatenarsi come al solito. L'artista ha rassicurato tutti, sminuendo l'accaduto:

“In qualche modo farò, stringo i denti e vado avanti. Non dimentico di aver fatto concerti con una spalla che mi usciva, figuriamoci se mi fa paura una piccola distorsione alla caviglia”.

I Maneskin all'Eurovision Song Contest 2022

All'Eurovision Song Contest 2022, i Maneskin presenteranno il brano Supermodel, che racconta di una giovane donna ossessionata dalla celebrità. Damiano ha detto la sua a riguardo:

“Non posso parlare per tutti e quattro, ma io la vivo molto questa cosa: dopo il concerto torno alla vita reale, è l’unico modo per restare sani, non puoi credere che 20 mila persone gridino per te tutti i giorni. Ma siamo in quattro, ognuno la vive a modo suo ma è sicuro che appena uno si monta la testa e fa un po’ il galletto viene immediatamente umiliato dagli altri tre”.

479 CONDIVISIONI
149 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni