Festival di Cannes 2022
19 Maggio 2022
12:54

Borghi e Marinelli a Cannes 2022: “In Otto Montagne raccontiamo anche la nostra amicizia”

Alessandro Borghi e Luca Marinelli sono i protagonisti di “Le otto montagne”, film presentato a Cannes 2022, che racconta la storia di un’amicizia. I due attori, conosciutitisi ormai 7 anni fa, rivelano di essere profondamente legati e di aver portato questa complicità anche nel film.
A cura di Ilaria Costabile
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Cannes 2022

Protagonisti della seconda giornata al Festival di Cannes sono stati due grandi protagonisti del nostro cinema, ovvero Alessandro Borghi e Luca Marinelli, interpreti del film "Le Otto Montagne", in cui tornano a recitare insieme a distanza di 7 anni da "Non essere cattivo" e in cui hanno raccontato la solidità di un'amicizia che non si è persa nel tempo ma, anzi, è diventata ancora più intensa.

L'amicizia vera tra Borghi e Marinelli

Un ritorno sul grande schermo di due attori che in modi e circostante diverse hanno reso grande il cinema italiano e che si ritrovano, l'uno accanto all'altra, portatori di un messaggio che traccia un file rouge tra il loro rapporto fuori dal set e quello che raccontano nel film che li vede protagonisti. A prendere parola ai microfoni di Askanews è Alessandro Borghi che dichiara:

L'amore tra noi non è risbocciato perché non era mai sfiorito, quindi. È stato molto bello, ed è ancora molto bello, in realtà, perché deve ancora accadere tutto. Non avrei potuto immaginare un modo più bello di tornare a lavorare con Luca, su un film così lontano da noi, tratto da un libro meraviglioso, con due registi come Felix e Charlotte che si sono fidati di noi, ci hanno invaso di amore e di fiducia, è stato bellissimo

Perfettamente d'accordo con quanto espresso dal suo collega, anche Luca Marinelli si sofferma sulla fortuna di aver potuto lavorare su un rapporto già saldo e proficuo, che li aveva legati tempo fa e che non si è sfibrato nel tempo:

È stato sette anni fa ma ci siamo conosciuti così tanto su quel film, abbiamo scambiato così tanto, condiviso così tanto. Secondo me è stato un grande vantaggio per noi interpretare questa profonda amicizia, questo amore, partendo già dal nostro grado di amicizia.

Di cosa parla Le Otto Montagne

"Le otto montagne" è un film tratto dall'omonimo libro vincitore del Premio Strega dello scrittore Paolo Cognetti. È il racconto di due ragazzi che pur essendo molto diversi, troveranno sempre il modo di coltivare quel legame che li ha uniti fino a diventare due uomini, con vite differenti, in posti distanti eppure in grado di ricongiungersi sempre. Lo spiega anche l'attore romano che si sofferma sull'importanza dell'amicizia nel percorso di ogni individuo:

È un film sull'amicizia, sulla necessità di trovare le nostre persone nel mondo e scegliere le persone con cui fare il nostro cammino. È vero forse che ognuno di noi ha il suo posto nel mondo, ma è anche vero che attraverso l'amore delle persone che ci circondano possiamo cambiarlo un po' il nostro destino. È un film sulla dipendenza dell'affetto, sull'imbarazzo anche dell'affetto, sul trovare il modo giusto di dire le cose e anche sulla necessità di dire per forza qualcosa, credo.

69 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni