Offriva un bimbo di due anni ai bagnanti sul lungomare Amerigo Vespucci di Ostia, chiedendo in cambio soldi. A finire nei guai un venticinquenne di etnia rom, rintracciato e denunciato dai militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma. Un episodio sconcertante quello accaduto nella mattinata di ieri, domenica 26 luglio, sul litorale della provincia a Sud di Roma, dove il giovane, portandolo in braccio e mostrandolo ai passanti come se fosse merce, proponeva uno scambio tra il piccolo e una somma di denaro. La scena si è svolta davanti agli occhi increduli dei bagnanti, in una giornata affollata di luglio. La vicenda non è passata inosservata ad un turista che, stupito per ciò che stava accadendo, ha attirato l'attenzione dei finanzieri che si trovavano presso lo stabilimento balneare, che sono intervenuti prontamente insieme ai colleghi. Nel frattempo l'uomo aveva perso i vista il ragazzo che insieme al bimbo si era allontanato dalla spiaggia, dirigendosi verso il centro.

Vende bimbo di due anni ad Ostia: denunciato

I militari della Guardia di Finanza si sono subito messi sulle loro tracce, insieme agli agenti del Commissariato Lido della Polizia di Stato, anch'essi intervenuti a seguito della segnalazione. Alla vista delle forze dell'ordine, il venticinquenne ha abbandonato il bimbo per strada, cercando di far perdere le proprie tracce tra la folla. Ma militari ed agenti lo hanno raggiunto, rintracciandolo e fermandolo. Subito sono scattate l'identificazione e la denuncia. Il bambino, spaventato, è stato preso in carico da un poliziotto e portato all'ospedale Grassi di Ostia, dove il piccolo stato sottoposto ad alcuni controlli per accertarsi che stesse bene.