Covid 19
7 Gennaio 2022
13:12

Lazio resta in zona gialla, come cambiano le regole con il decreto Covid

Roma e Lazio resteranno in zona gialla anche nella settimana compresa tra il 10 e il 16 gennaio 2022. All’interno tutte le regole anti-Covid attualmente in vigore.
A cura di Enrico Tata
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il Lazio resterà in zona gialla anche nella settimana compresa tra lunedì 10 gennaio e domenica 16 gennaio 2022. Come già ricordato, non esistono differenze tra le regole della zona bianca e quelle della zona gialla, dal momento che l'unica restrizione aggiuntiva era rappresentata dall'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto, misura che però è stata estesa dal governo a tutta Italia. Di seguito tutte le regole anti-Covid previste dal governo a prescindere dalla colorazione delle regioni. Da lunedì 10 gennaio, inoltre, entreranno in vigore nuove prescrizioni in merito all'utilizzo del green pass rafforzato.

Dove servono green pass base e super, le nuove regole

Il super green pass diventa obbligatorio sul lavoro per lavoratori pubblici e privati over 50 dal 15 febbraio.

Dal 10 gennaio, invece, sarà obbligatorio per tutti coloro che vogliano accedere alle seguenti attività:

  • Alberghi e strutture ricettive
  • Feste in seguito a cerimonie
  • Sagre e fiere
  • centri congressi
  • ristoranti e bar anche all'aperto
  • impianti di risalita
  • piscine
  • sport di squadra
  • centri benessere anche all'aperto
  • centri culturali e centri sociali anche all'aperto

Il super green pass è già obbligatorio per accedere a queste attività:

  • Palestre
  • musei e mostre
  • centri termali
  • parchi tematici e di divertimento
  • sale gioco e sale scommesse
  • accesso e per l'utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale
  • consumare in bar e ristoranti al tavolo al chiuso o anche al bancone.

Il green pass base sarà obbligatorio per coloro che accedono ai servizi alla persona come barbieri, parrucchieri ed estetisti a partire dal 20 gennaio. Dal 1 febbraio diventerà obbligatorio per accesso a banche, negozi e centri commerciali, uffici pubblici, municipi, uffici postali.

Le regole sulle mascherine

È in vigore l'obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto a prescindere dalla colorazione della regione.

Obbligo di indossare le mascherine Ffp2:

  • in occasione di spettacoli aperti al pubblico all'aperto o al chiuso in teatri, cinema, sale concerto, locali di musica dal vivo e assimilati.
  • eventi sportivi che si svolgono al chiuso o all'aperto (al chiuso è anche vietato consumare cibi o bevande).
  • su tutti i mezzi di trasporto.

L'obbligo vaccinale

Il vaccino anti Covid è obbligatorio fino al 15 giugno per tutti i cittadini residenti in Italia, anche stranieri e cittadini europei, che hanno compiuto 50 anni. Le uniche eccezioni ammesse sono riservate a casi di accertato pericolo per la salute in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate. Previsto l'obbligo vaccinale per tutto il personale universitario (già previsto quello per il personale scolastico).

Le nuove regole sulla scuola

Queste le nuove regole sulla scuola in caso di positività di uno o più studenti:

  • Scuola dell’infanzia: sospensione delle attività per 10 giorni in presenza anche di un solo caso positivo.
  • Scuola elementare: con un caso positivo l'attività in classe prosegue con test antigenico rapido o molecolare effettuato non appena si viene a conoscenza del caso positivo. Il test verrà ripetuto dopo cinque giorni. In presenza di due o più positivi è prevista la didattica a distanza per tutta la classe per la durata di 10 giorni.
  •  Scuola media, licei, istituti tecnici: con un caso positivo nella stessa classe è prevista l'autoà-sorveglianza con uso in aula delle mascherine Ffp2. Con due casi in classe è prevista la didattica digitale integrata per coloro che hanno terminato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, che sono guariti da più di 120 giorni o che non hanno ricevuto la dose di richiamo. Per gli altri è prevista l'autosperveglianza con utilizzo di mascherine Ffp2. Con tre casi positivi in classe è prevista la DAD per 10 giorni.

Le nuove regole sulla quarantena

Queste le nuove regole sulla quarantena in caso di contatto stretto con un positivo:

  • se non sei vaccinato: 10 giorni di quarantena con tampone finale negativo
  • se sei vaccinato con almeno due dosi da più di 4 mesi: 5 giorni di quarantena con tampone finale negativo
  • se sei vaccinato con tre dosi, sei guarito o sei vaccinato con due dosi da meno di quattro mesi: no quarantena, ma cinque giorni di autosorveglianza con obbligo di indossare mascherina Ffp2. Se hai sintomi: test antigenico dopo la comparsa dei sintomi e se ancora sintomatico test dopo 5 giorni.

Per quanto riguarda i contatti a basso rischio: se si sono utilizzate sempre mascherina chirurgica o FFP2, non è necessaria la quarantena ma dovranno essere mantenute le comuni precauzioni igienico-sanitarie.

Nel Lazio i test antigenici sono validi sia per valutare il termine dell'isolamento di un caso confermato di Covid che per la valutazione del termine della quarantena dei contatti di casi positivi. Qua tutte le informazioni sulla quarantena. 

31014 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni