2.634 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Agosto 2021
09:00

Le nuove regole in zona gialla, cosa si può fare e cosa cambia

Dall’utilizzo della mascherina ai ristoranti, sono poche le regole che cambiano se una Regione passa da zona bianca a zona gialla. Vediamo cosa si può fare in zona gialla, con tutte le restrizioni in vigore per spostamenti, bar e ristoranti, apertura di negozi e centri commerciali. Anche in zona gialla non c’è più il coprifuoco.
A cura di Annalisa Cangemi
2.634 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Da lunedì 30 agosto la Sicilia entra in zona gialla, a causa dell'incremento dei contagi dovuto alla variante Delta. Con il decreto Covid del 23 luglio sono cambiati i parametri per l'ingresso in zona gialla: entrano in fascia gialla le Regioni che superano l'occupazione del 10% delle terapie intensive e del 15% di ospedalizzazione, oltre ad avere un incidenza dei contagi di 50 per ogni 100mila abitanti. Ma cosa cambia nel concreto tra zona gialla e zona bianca? Le differenze tra le restrizioni riguardano soprattutto l'utilizzo della mascherina e il limite massimo al tavolo per i ristoranti. Le regole relative al green pass sono in vigore anche in zona gialla, dove grazie alla certificazione verde si allentano molte restrizioni.

In tutta Italia è stato abolito il coprifuoco, che quindi non è più valido in zona gialla, e gli spostamenti sono liberi, sia tra Comuni che tra Regioni. Ecco tutte le risposte alle domande frequenti su cosa si può e non si può fare in zona gialla con il decreto del Governo Draghi e le risposte alle domande frequenti, aggiornate dopo l'ingresso della Sicilia in zona gialla.

Le regole in zona gialla per gli spostamenti

In zona gialla sono consentiti tutti gli spostamenti: all'interno del proprio Comune, tra Comuni diversi e tra Regioni. Decade anche il coprifuoco, quindi non ci sono più limiti orari alla circolazione e non è più necessaria l'autocertificazione.

Zona gialla, le regole per ristoranti e bar

In zona gialla i ristoranti sono aperti anche al chiuso, resta sempre consentito il servizio di asporto e la consegna a domicilio. Possono sedersi al tavolo massimo 4 persone, a meno che non si tratti di conviventi, con una distanza minima di un metro tra i commensali. Come per la zona bianca, serve il green pass per pranzare o cenare nei ristoranti al chiuso.

Spostamenti verso le seconde case fuori regione

Ci si può spostare per raggiungere le seconde case fuori regione, a prescindere dal colore della regione di provenienza e di quella di arrivo.

In zona gialla musei, cinema e teatri aperti

In zona gialla sono aperti i cinema, i teatri e musei e le sale da concerto, con regole stringenti. Dalla prenotazione dei posti a sedere alla distanza di sicurezza almeno un metro tra gli spettatori, la capienza delle sale non supererà il 50% del totale. Si prevede un massimo di 1000 persone all'aperto e 500 negli spazi chiusi, e bisognerà indossare la mascherina, oltre a essere muniti di Green Pass.

Parrucchieri e barbieri aperti

Parrucchieri e barbieri non subiranno alcuno stop: nelle zone gialle quindi continueranno a funzionare normalmente.

Aperti negozi e centri commerciali nei weekend

Da sabato 22 maggio riaprono i negozi nei centri commerciali anche nel weekend e nei giorni festivi. Tutti i negozi sono aperti, pur nel rispetto delle norme anti Covid vigenti. Nei negozi, supermercati e centri commerciali non è necessario il Green Pass.

Scuola in presenza e didattica a distanza

Didattica in presenza al 100% per le scuole primarie e secondarie di primo grado, mentre per le scuole superiori la didattica in presenza comprenderà dal 70 al 100% delle ore di lezione.

2.634 CONDIVISIONI
27508 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni