2.600 CONDIVISIONI
Coronavirus

Zona gialla, le regole su spostamenti, mascherina e ristoranti: cosa si può fare

Al momento nessuna Regione d’Italia si trova in zona gialla, ma alcuni territori potrebbero rientrarvi a causa dell’incremento dei contagi dovuto soprattutto alla variante Delta. Rispetto alla zona bianca viene reintrodotto l’obbligo della mascherina all’aperto e cambiano le regole per i ristoranti. Ecco tutte le regole in vigore in zona gialla per spostamenti, bar e ristoranti, apertura di negozi e centri commerciali.
A cura di Annalisa Cangemi
2.600 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Nessuna regione d'Italia si trova in zona gialla, ma l'incremento dei contagi causato dalla variante Delta potrebbe riportare alcune regioni attualmente in zona bianca all'interno di questa fascia di rischio. I territori che vengono raggruppati nella zona gialla devono rispettare le norme del decreto Covid approvate dal governo Draghi. Le regole riguardano soprattutto gli spostamenti e la riapertura di bar, ristoranti, cinema, teatri e mostre. In tutta Italia è stato abolito il coprifuoco, che quindi non è più valido in zona gialla, e gli spostamenti sono liberi, sia tra Comuni che tra Regioni. I ristoranti sono aperti sia al chiuso che all'aperto, ma il limite di commensali al tavolo è di 4 persone, a differenza della zona bianca. Cambiano anche le regole per le mascherine, che restano obbligatorie sia all'aperto che al chiuso. Ecco tutte le risposte alle domande frequenti su cosa si può e non si può fare in base al nuovo decreto, che durerà fino al 31 luglio.

Spostamenti consentiti in zona gialla

In zona gialla sono consentiti tutti gli spostamenti: all'interno del proprio Comune, tra Comuni diversi e tra Regioni. Decade anche il coprifuoco, quindi non ci sono più limiti orari alla circolazione e non è più necessaria l'autocertificazione.

Zona gialla, le regole per ristoranti e bar

In zona gialla i ristoranti sono aperti anche al chiuso, resta sempre consentito il servizio di asporto e la consegna a domicilio. Possono sedersi al tavolo massimo 4 persone, a meno che non si tratti di conviventi, con una distanza minima di un metro tra i commensali.

Spostamenti verso le seconde case fuori regione

Ci si può spostare per raggiungere le seconde case fuori regione, a prescindere dal colore della regione di provenienza e di quella di arrivo.

Riaprono musei, cinema e teatri

In zona gialla sono aperti i cinema, i teatri e musei e le sale da concerto, con regole stringenti. Dalla prenotazione dei posti a sedere alla distanza di sicurezza almeno un metro tra gli spettatori, la capienza delle sale non supererà il 50% del totale. Si prevede un massimo di 1000 persone all'aperto e 500 negli spazi chiusi, e bisognerà indossare la mascherina.

Parrucchieri e barbieri aperti

Parrucchieri e barbieri non subiranno alcuno stop: nelle zone gialle quindi continueranno a funzionare normalmente.

Aperti negozi e centri commerciali nei weekend

Da sabato 22 maggio riaprono i negozi nei centri commerciali anche nel weekend e nei giorni festivi. Tutti i negozi sono aperti, pur nel rispetto delle norme anti Covid vigenti.

Scuola in presenza e didattica a distanza

Il decreto in vigore dal 26 aprile cambia anche le regole per la scuola. Didattica in presenza al 100% per le scuole primarie e secondarie di primo grado, mentre per le scuole superiori la didattica in presenza comprenderà dal 70 al 100% delle ore di lezione.

2.600 CONDIVISIONI
26112 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni