239 CONDIVISIONI
6 Agosto 2021
9:43

Hacker in Regione Lazio, dipendente comunale sotto attacco: “Sito porno e password vendute? Falso”

Parla il dipendente di Regione Lazio dal cui computer sono entrati gli hacker che stanno mettendo in ginocchio da giorni il sistema informatico regionale: “Mi hanno accusato di vedere siti porno o di aver venduto le password, ma è tutto falso. Non ho mai preso neanche una multa in tutta la mia vita”. E ancora: “Sono tranquillo, perché penso che la polizia postale comunque ha preso il computer e potrà vedere da sola tutti i movimenti che ho fatto”.
A cura di Giorgia Venturini
239 CONDIVISIONI

Continua a essere sotto attacco degli hacker la Regione Lazio. Da giorni ormai è impossibile prenotare visite mediche, le Asl sono totalmente bloccate. Intanto indaga la Polizia postale: quello che è certo fino ad ora è che i pirati del web si sono infiltrati nelle piattaforme informatiche della Regione violando il pc di un dipendente in smart working. Come? Ancora resta tutto da capire.

Dipendente regionale: Pensavo di aver chiuso bene la porta

"In queste ore ho letto davvero di tutto: hacker russi, cinesi. Boh! Ma a me finora non è venuta a interrogarmi nemmeno la polizia postale". Così il dipendente di Regione Lazio nel mirino degli hacker ha parlato al Corriere della Sera, esprimendo tutti i suoi dubbi su quanto accaduto: "Pensavo di aver chiuso bene la porta della mia stanza al numero 10 della sede di Frosinone della Regione Lazio. Alle tre di pomeriggio di giovedì il palazzo è quasi vuoto, è il mio unico giorno di lavoro in sede. Per il resto della settimana lavoro da casa in smart working". Ora i tecnici informatici hanno preso il suo computer per analizzarlo e capire meglio su questo attacco via web.

Le tante ipotesi

Intanto però le chiacchiere girano e in tanti fanno le prime supposizioni: "Ho sentito qualcuno ipotizzare che gli hacker sono entrati perché io e mio figlio stavamo visitando di notte un sito porno. Oppure che i pirati avessero la password. Tutto per me assurdo". E poi il dipendente regionale si difende: "Prima di tutto figlio poi la notte dell’intrusione, tra sabato e domenica se ho capito bene, era addirittura al mare. E poi lui non conosce le mie password. Malgrado tutto io resto tranquillo, perché penso che la polizia postale comunque ha preso il computer e potrà vedere da sola tutti i movimenti che ho fatto. Troverà anche qualche foto, ma niente di compromettente: cene con amici, immagini di mia moglie. Sono uno che non ha mai preso una multa in vita mia".

Dipendente: Da casa lavoro spesso di notte

Perché dunque scegliere proprio il computer di questo dipendente comunale? Se lo chiede anche lui stesso. E le risposte anche in questo caso mancano: "Forse perché a casa lavoro in orari strani. Spesso mi sveglio alle 3 di notte e comincio a fare bolli auto, rimborsi elettorali ai Comuni, invio email ai colleghi per anticipare il lavoro del mattino dopo. Quando sei in smart working però sei sicuramente più esposto: la rete di casa è più fragile di quella aziendale". L'importante ora è ripristinare il prima possibile il portale e permettere di nuovo ai cittadini di accedere alla piattaforma del servizio sanitario.

239 CONDIVISIONI
Perché non sappiamo ancora chi ha ucciso Simonetta Cesaroni
Perché non sappiamo ancora chi ha ucciso Simonetta Cesaroni
Covid Lazio, bollettino di domenica 17 luglio: 6.877 nuovi casi e 8 morti, 3.270 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino di domenica 17 luglio: 6.877 nuovi casi e 8 morti, 3.270 contagi a Roma
A Roma è stato vandalizzato il murale dedicato ad Anna Magnani
A Roma è stato vandalizzato il murale dedicato ad Anna Magnani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni