Questa notte è stato danneggiato il monumento in memoria di Walter Rossi, lo studente di Lotta Continua ucciso da militanti di estrema destra il 30 settembre 1977 in viale delle Medaglie d'Oro, nel quartiere della Balduina. Il giovane stava partecipando a un volantinaggio in memoria di Elena Pacinelli, una giovane di 19 anni uccisa il giorno prima, quando è stato raggiunto da diversi proiettili che non gli hanno lasciato scampo. A sparare, un gruppo di giovani di estrema destra che si trovavano vicino la sede del Movimento sociale italiano e che non sono mai stati identificati.  Il monumento, eretto l'anno dopo l'omicidio, sarebbe stato divelto da ignoti, che molto probabilmente hanno agito nella notte. Sul posto sono arrivati gli agenti di Polizia locale del I Gruppo Prati: una parte della statua è stata recuperata e ora si trova presso gli uffici di via del Falco. Accertamenti sono in corso su quanto accaduto, ed è stata avvisata per competenza la questura di Roma e la sovrintendenza capitolina.

Danneggiato monumento Walter Rossi, indagini in corso

L'opera dedicata a Walter Rossi è stata creata dallo sculture e giornalista Giuseppe Rogolino l'anno dopo la morte dello studente. La piazza in cui è stata collocata si chiamava piazza Igea: il nome è stato successivamente cambiato e ora si chiama piazza Walter Rossi. Nel 2007 è stata aggiunta una targa per ricordare lo studente nel giorno del 30esimo anniversario della sua morte. L'opera raffigura un meteorite dal quale escono numerose mani, simbolo dei giovani che sopravvivono alla sua forza. Al momento le indagini sono in corso, non è noto chi sia stato a danneggiate il monumento e per quale motivo l'abbia fatto. Tra le ipotesi, anche se meno probabile, anche quella di un cedimento strutturale. Una parte dell'opera, intitolata ‘Contro tutte le violenze', è stata trovata a diversi metri dal basamento.