230 CONDIVISIONI
Coronavirus
25 Maggio 2021
16:52

Vaccini, Draghi: “Campagna deve accelerare anche in estate, arriveranno dosi a sufficienza”

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, si dice ottimista sulla campagna vaccinale: “C’è stata una certa soddisfazione sul modo in cui procedono le vaccinazioni un po’ dappertutto, e la campagna deve accelerare anche in estate. Le forniture continueranno ad arrivare in modo sufficiente”, assicura in conferenza stampa dopo il Consiglio europeo.
A cura di Stefano Rizzuti
230 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La campagna vaccinale deve accelerare anche in estate. Lo dice chiaramente, in conferenza stampa dopo il Consiglio Ue, il presidente del Consiglio, Mario Draghi: “C’è stata una certa soddisfazione sul modo in cui procedono le vaccinazioni un po' dappertutto, e la campagna deve accelerare anche in estate. Le forniture continueranno ad arrivare in modo sufficiente”. “La presidente della Commissione ha dato conto della fornitura delle dosi e per ora non vi sono sorprese. Le forniture continueranno ad arrivare in maniera sufficiente”, assicura il presidente del Consiglio.

Il programma Covax e i vaccini ai Paesi a basso reddito

Draghi parla anche del programma Covax, “finanziato in maniera molto significativa dall’Italia: ha come maggior fornitore di vaccino l’istituto indiano che oggi è chiuso, diventano cruciali le offerte di vaccino, le condivisione che i Paesi stanno facendo. L’Europa punta a 100 milioni di dosi, gli Stati Uniti 80. A fare la differenza è la promessa delle grandi imprese farmaceutiche di dare da 1 a 2 miliardi di dosi nel prossimo anno e mezzo, a prezzo di costo nei Paesi a più basso reddito e con un piccolo profitto nei Paesi a medio reddito. Ci permetterà di soddisfare una domanda di gran lunga superiore a quello che possiamo fare ora”.

Vaccini, Draghi: conferimento licenze in momenti emergenza

Il presidente del Consiglio ricorda che “l’Europa esporta più o meno quanto consuma, mentre Regno Unito e Usa non permettono alcuna esportazione”. Poi, sulla “questione dei brevetti si sta arrivando a una soluzione che è quella che promette di più: la sospensione temporanea, che io stesso avevo suggerito, è forse il provvedimento più semplice da prendere, ma deve essere seguito da produzione, trasferimento di tecnologia, tutti passi complicati. Ma l’altro passo è quello che prevede il conferimento delle licenze nei momenti più di emergenza, proposta a cui sta lavorando la Commissione”.

230 CONDIVISIONI
25950 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni