6 Dicembre 2021
12:12

Terapie intensive e ricoveri, quali sono i numeri delle Regioni e chi rischia la zona gialla

Guardando i dati Agenas su terapie intensive e ricoveri appare evidente che, prima di Natale, saranno diverse le Regioni che passeranno in zona gialla.
A cura di Tommaso Coluzzi
Terapia intensiva, Covid
Terapia intensiva, Covid

Natale si avvicina e l'Italia diventa sempre più gialla. Sono già diversi i territori che hanno lasciato la zona bianca, ma entro le vacanze potrebbero essere molti di più. Per capire come e perché potrebbe succedere bisogna guardare ancora una volta ai dati. E appurato che l'incidenza – il primo dei tre indicatori decisionali per il cambio di colore – è altissima praticamente in tutta Italia, l'attenzione deve concentrarsi sull'occupazione delle terapie intensive e dei posti letto in area medica. Si tratta di due indicatori importanti sia perché determinano, di fatto, i colori delle Regioni, ma soprattutto perché descrivono lo stato di salute delle strutture sanitarie sul territorio. Anche perché, come abbiamo visto in passato, se gli ospedali vanno in difficoltà è un problema enorme.

I valori di terapia intensiva e ricoveri Regione per Regione

Per capire qual è la situazione Regione per Regione bisogna guardare ai dati Agenas su ricoveri in area medica e in terapia intensiva per Covid, che vengono aggiornati quotidianamente e caricati sul portale:

  • Abruzzo: 4% terapia intensiva, 9% area medica
  • Basilicata: 0% terapia intensiva, 4% area medica
  • Calabria: 10% terapia intensiva, 15% area medica
  • Campania: 4% terapia intensiva, 9% area medica
  • Emilia Romagna: 9% terapia intensiva, 9% area medica
  • Friuli Venezia Giulia: 16% terapia intensiva, 23% area medica
  • Lazio: 10% terapia intensiva, 11% area medica
  • Liguria: 10% terapia intensiva, 10% area medica
  • Lombardia: 8% terapia intensiva, 14% area medica
  • Marche: 12% terapia intensiva, 10% area medica
  • Molise: 3% terapia intensiva, 7% area medica
  • Provincia autonoma di Bolzano: 14% terapia intensiva, 19% area medica
  • Provincia autonoma di Trento: 9% terapia intensiva, 11% area medica
  • Piemonte: 6% terapia intensiva, 8% area medica
  • Puglia: 4% terapia intensiva, 5% area medica
  • Sardegna: 6% terapia intensiva, 5% area medica
  • Sicilia: 5% terapia intensiva, 8% area medica
  • Toscana: 9% terapia intensiva, 5% area medica
  • Umbria: 8% terapia intensiva, 6% area medica
  • Valle d'Aosta: 3% terapia intensiva, 21% area medica
  • Veneto: 12% terapia intensiva, 10% area medica

Le Regioni che passeranno in zona gialla entro Natale

Per evitare la zona gialla non bisogna superare la soglia del 10% nelle terapie intensive e del 15% in area medica. Al momento le uniche Regioni ad aver lasciato la zona bianca sono il Friuli Venezia Giulia e la Provincia di Bolzano (l'Alto Adige). A decidere gli spostamenti tra una zona e l'altra è, come sempre, il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità del venerdì, che si basa sui dati del giovedì. Perciò questi numeri di Agenas, aggiornati a ieri sera, non sono chiaramente definitivi. Al momento, però, anche la Calabria passerebbe in zona gialla, mentre la Lombardia resta a rischio e si candida al cambio di colore se non dalla settimana prossima da quella successiva. Attenzione massima anche su Veneto e Marche, che superano la soglia in terapia intensiva ma non in area medica.

Chi rischia di passare in zona arancione: i dati di terapie intensive e ricoveri Regione per Regione
Chi rischia di passare in zona arancione: i dati di terapie intensive e ricoveri Regione per Regione
Terapie intensive e ricoveri, i dati Iss: quali Regioni vanno verso zona arancione e zona rossa
Terapie intensive e ricoveri, i dati Iss: quali Regioni vanno verso zona arancione e zona rossa
Terapie intensive, peggiorano i dati in 4 Regioni: ecco chi rischia la zona arancione
Terapie intensive, peggiorano i dati in 4 Regioni: ecco chi rischia la zona arancione
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni