18.883 CONDIVISIONI
Opinioni
27 Novembre 2017
18:52

Mussolini: “A Ostia mio nonno Benito risolverebbe tutto in due o tre mesi”

Secondo l’onorevole Alessandra Mussolini, nipote del Duce, a Ostia servirebbe una cura choc, a base di fascismo. Replicando alla domanda di un ascoltatore di Radio Cusano Campus, l’onorevole forzista ha dichiarato: “In due o tre mesi lì mio nonno risolve tutto”.
A cura di Charlotte Matteini
18.883 CONDIVISIONI

Si torna a parlare della complicata situazione di Ostia, assurta nuovamente agli onori delle cronache poche settimane fa, sotto elezioni, a causa della testata in pieno volto tirata da Roberto Spada, membro dell'omonima famiglia considerata dagli inquirenti un vero e proprio clan di stampo mafioso capace di controllare in maniera capillare il mega-municipio romano – a un giornalista della Rai presente sul campo per chiedere conto del presunto appoggio elettorale degli Spada al candidato sindaco di Casapound. In questi giorni Ostia è tornata di nuovo al centro delle cronache nazionali a causa del susseguirsi di alcuni veri e propri agguati, al momento a carico di ignoti, che hanno fatto ripiombare il municipio in un clima di terrore.

Questa volta, però, a intervenire sul caso è l'onorevole Alessandra Mussolini che, intervistata da Radio Cusano Campus, ha dichiarato che suo nonno, Benito Mussolini, rimetterebbe in sesto Ostia in massimo due o tre mesi. "Secondo un nostro ascoltatore, per rimettere a posto Ostia ci vorrebbe suo nonno. È vero?", ha domandato l'intervistatore alla nipote del Duce, che ha replicato: "Anche per due o tre mesi. Sì, in due o tre mesi lì mio nonno risolve tutto", ridendo.

"Bisogna continuare con i presidi delle forze dell'ordine. Si sta scatenando l'inferno. I cittadini hanno votato la candidata dei Cinque Stelle. Ora lei assieme allo Stato dovrà far vedere cosa sa fare e dar seguito alle promesse fatto in campagna elettorale", ha sostenuto Mussolini commentando la vittoria della mini-sindaco pentastellata Giuliana Di Pilla, aggiungendo inoltre che secondo lei quando nei territori insicuri sono presenti le forze dell'ordine i residenti sono molto più tranquilli e si sentono più al sicuro.

18.883 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
L'aborto è un diritto di tutte le donne, ma due ginecologi su tre sono obiettori di coscienza
L'aborto è un diritto di tutte le donne, ma due ginecologi su tre sono obiettori di coscienza
Draghi, il terzo mandato e il futuro del M5s: perché Di Maio ha rotto con Conte
Draghi, il terzo mandato e il futuro del M5s: perché Di Maio ha rotto con Conte
Bimbo lasciato per diverse ore in auto sotto il sole: Kayden muore a soli 3 mesi
Bimbo lasciato per diverse ore in auto sotto il sole: Kayden muore a soli 3 mesi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni