Secondo il leader della Lega Matteo Salvini la scuola avrebbe bisogno di una riforma strutturale che abolisca le scuole medie e riveda il periodo di vacanze. A margine di un incontro a Capriano Briosco in provincia di Monza l'ex ministro dell'Interno ha parlato del tema, definendo un “buco” il periodo di scuola media previsto dal nostro ordinamento. "Lavoriamo per eliminare questi 3 anni della scuola media – ha spiegato il leader del Carroccio – nessun Paese europeo ha questi tre anni di parcheggio". Salvini ha parlato anche di una rimodulazione del periodo di vacanze estive, visto che l'attuale sistema è giudicato come un unicum italiano.

I temi introdotti da Salvini nel corso del comizio non sono in realtà del tutto nuovi. Diverse analisi internazionali sulla scuola evidenziano questi due argomenti come due particolarità del sistema nostrano. I tre anni di istruzione secondaria di primo grado possono costituire un periodo delicato per gli studenti più "sensibili", costretti a un cambio di ciclo scolastico e alla conseguente perdita di un ambiente già sperimentato e conosciuto nel periodo delle elementari. Non solo, questi tre anni non costituiscono più il ciclo finale della scuola dell'obbligo, perché quest'ultima è stata elevata fino ai 16 anni. Il periodo di tre mesi di vacanze invece, è considerato un lasso di tempo troppo lungo per una corretta formazione degli studenti, ma si tratta anche di un peso per le famiglie.

Le parole di Matteo Salvini hanno scatenato immediatamente la reazione della sottosegretaria M5s all’Istruzione Lucia Azzolina che in un video su Facebook, si è scaglia duramente contro l’ex alleato di governo. "Ahimé, Salvini non perde occasione per tacere – esordisce Azzolina – allora, Salvini, partiamo dalle basi: non esiste più la scuola media, si parla di istruzione secondaria di primo grado. La scuola media, come la chiami tu, non è un parcheggio perché ci lavorano docenti, personale Ata, dirigenti scolastici ed è frequentata dai nostri studenti e non si può pensare che tutte le scuole medie d’Italia siano un parcheggio". La sottosegretaria ha poi continuato dicendo: "Ho sempre odiato la politica per slogan e ho provato sempre un certo imbarazzo rispetto a quei politici che di scuola non sanno nulla. Non solo perché non ci hanno mai lavorato ma perché a stento l’hanno frequentata e si permettono poi di dire queste cose del tutto errate. Sulla scuola non si può parlare per slogan, è una cosa seria”.

Per quanto riguarda il periodo di vacanze Azzolina è tornata a incalzare il segretario leghista sostenendo l'ambiguità della proposta: “Non si capisce se il riferimento sia agli studenti o ai docenti – ha detto la sottosegretaria -. "Nella scuola media lavorano docenti, Ata e personale scolastico che meritano rispetto”, ha poi concluso.