9.413 CONDIVISIONI
2 Agosto 2022
17:48

Luigi Di Maio potrebbe essere candidato nelle liste e col simbolo del Partito Democratico

Luigi Di Maio candidato al proporzionale nelle liste del Partito democratico per le elezioni politiche del 25 settembre. È questo uno degli effetti dell’accordo fra Letta e Calenda. Vediamo perché.
A cura di Redazione
9.413 CONDIVISIONI

Luigi Di Maio potrebbe essere candidato nelle liste e col simbolo del Partito democratico. Non è una boutade estiva o un colpo di calore di qualche giornalista, ma un’ipotesi che potrebbe concretizzarsi prima del previsto. A determinare questo scenario che solo qualche mese fa sarebbe stato bollato come surreale è l’accordo siglato dal Partito democratico e Azione +Europa, fulcro della coalizione che contenderà al centrodestra la guida del Paese alle prossime elezioni politiche del 25 settembre.

Uno dei punti principali del patto firmato da Letta e Calenda, infatti, prevede l’impossibilità di candidare nei collegi uninominali “i leader delle forze politiche che costituiranno l’alleanza, gli ex parlamentari del M5S (usciti nell’ultima legislatura), gli ex parlamentari di Forza Italia (usciti nell’ultima legislatura)”. In soldoni, ciò significa che Luigi Di Maio, sia in quanto leader di Impegno Civico (il partito fondato assieme a Bruno Tabacci), sia in quanto ex parlamentare del Movimento 5 stelle, non potrebbe correre per un seggio all’uninominale, ovvero sfidare direttamente gli avversari delle altre coalizioni per ottenere un posto in Parlamento.

Di conseguenza, l’unica strada per essere rieletto sarebbe ottenere un seggio nella quota proporzionale. Il problema è che la legge elettorale prevede la soglia di sbarramento al 3%, un ostacolo troppo alto per il partito del ministro degli Esteri. Dunque, davvero nella prossima legislatura non ci sarà spazio per Di Maio, Tabacci e altri ex grillini?

No, perché è arrivato il soccorso del Pd di Enrico Letta. Con un comunicato ufficiale, il segretario democratico ha spiegato di voler garantire il “diritto di tribuna” ai leader dei diversi partiti e movimenti politici del centrosinistra che entreranno a far parte dell’alleanza elettorale. Tradotto: nelle liste del Pd al proporzionale ci sarà spazio per tutti gli esclusi dal patto con Azione, oltre che per quei leader che non riusciranno a entrare in Parlamento causa soglia di sbarramento alta. Luigi Di Maio è tra questi.

9.413 CONDIVISIONI
Elezioni politiche 2022, le coalizioni ufficiali: partiti candidati, liste e simboli sulle schede
Elezioni politiche 2022, le coalizioni ufficiali: partiti candidati, liste e simboli sulle schede
I candidati dei partiti alle elezioni politiche: nomi e liste collegio per collegio
I candidati dei partiti alle elezioni politiche: nomi e liste collegio per collegio
Di Maio:
Di Maio: "Il partito di Conte è nel caos, del M5s che ho fondato io non resta più niente"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni