2.042 CONDIVISIONI
Opinioni
L'attacco della Turchia in Siria contro i curdi
11 Ottobre 2019
16:06

Kobane, la città che ha sconfitto Isis balla aspettando le bombe della Turchia

A Kobane si balla: morte fatti da parte che passa la libertà. E’ questo il senso delle immagini che ci arrivano dalla città di Kobane, decine di persone che si abbracciano e ballano, con un fuoco vicino e i ragazzini nel mezzo. E questa immagine non ha niente a che fare con i suonatori del Titanic prima che affondasse, o con il bicchiere di vino ai soldati il giorno prima di essere mandati a morire e ad ammazzare.
A cura di Saverio Tommasi
2.042 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'attacco della Turchia in Siria contro i curdi

"Non c'è tempo per pensare alla Turchia che sta per attaccare, ora scusate, dobbiamo ballare". E' il senso del video, immagini serali con un fuoco vicino, rubate ieri sera con un cellulare da qualcuno che partecipava alla festa, dove si vedono decine di persone che ballano in strada a Kobane. La verità è che i curdi si stanno preparando anche alla battaglia contro i turchi, non ballano e basta, però la difesa senza ballo avrebbe qualcosa in meno da difendere.
Si stanno preparando alla difesa, i curdi, l'ennesima, della loro libertà; che alla fine è un po' la libertà di tutti, pure di me che scrivo o di voi che leggete ora queste parole scritte con il sottofondo di musica curda. Perché "si è liberi e felici solo se lo sono anche gli altri", cantava Giorgio il nazionale, a proposito di canti, di balli e di libertà.

I curdi sono un popolo che ama e che lotta, e questo è fastidioso, addirittura inconcepibile per chi non è abituato all'amore espanso, ai diritti condivisi, e risulta insopportabile ai più anche quando delle lotte curde – ad esempio aver sconfitto i terroristi dell'Isis – ne ha giovato tutto il mondo e forse l'Occidente e l'America ne hanno giovato un po' più degli altri. Dopo aver – sicuramente un po' più degli altri, gli Stati Uniti d'America – contribuito a crearlo il terrorismo dell'Isis.

L'immagine del ballo a Kobane non è quella dei suonatori del Titanic prima che affondasse, obbligati dai contratti e dalla forza del padrone che aveva investito soldi in quella crociera. L'immagine del ballo a Kobane non è neanche la festa della sera prima dell'inizio del militare, il giro ubriachi fra i bordelli della città, e non è neanche il bicchiere di vino ai soldati il giorno prima di essere mandati a morire e ad ammazzare. L'immagine del ballo a Kobane non è sfruttamento, ha i
L'immagine del ballo a Kobane non è neanche un ballo di coppia, un rapporto di passi e d'amore a due, c'è infatti qualcosa di collettivo nelle immagini da Kobane.
L'immagine del ballo a Kobane non è neanche solo l'immagine del ballo a Kobane, perché non tutti ballano, perché qualcuno si abbraccia e basta, qualcuno muove la testa, un'altra sposta il piede, qualcuno zompetta abbracciato agli altri, sembrano in un grande cerchio con i bambini nel mezzo, mentre guardano gli adulti che fanno i bambini, qualcuno mette legna sul fuoco, qualcun altro suona la musica, più che metterla.
A Kobane, i curdi, stanno già rispondendo agli attacchi della Turchia. "Noi ci siamo", sembrano dire con quei balli in piazza, all'aperto. "Forse moriremo o forse no", sembrano raccontarci, "in ogni caso continueremo a pensare insieme, a muoverci insieme, a difenderci e a ballare insieme".

Mi sembra di sentirli, mentre dicono: "Vuole favorire un ballo, signora libertà?"

2.042 CONDIVISIONI
Sono giornalista e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Scrivo libri, quando capita. Il più recente è "Siate ribelli. Praticate gentilezza". Ho sposato Fanpage.it, ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Mi nutro di video e respiro. Tutti i miei video li trovate sul canale Youmedia personale.
Chi è Erdogan, il "Sultano" di Ankara che ha invaso la Siria e guarda alla Libia
Chi è Erdogan, il "Sultano" di Ankara che ha invaso la Siria e guarda alla Libia
Temporali e bombe d'acqua al Centro Nord, allerta della Protezione civile: le regioni a rischio
Temporali e bombe d'acqua al Centro Nord, allerta della Protezione civile: le regioni a rischio
Guerra in Siria, Usa: "Cento prigionieri Isis sono scappati". Trump: "No sanzioni alla Turchia"
Guerra in Siria, Usa: "Cento prigionieri Isis sono scappati". Trump: "No sanzioni alla Turchia"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni