713 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Agosto 2021
19:48

Il Governo frena sull’obbligo vaccinale: “È l’ultima ipotesi”

Dopo la proposta, avanzata da parte del Cts e anche dalla Cisl, di introdurre l’obbligo di vaccino anti-Covid per tutti, arriva una prima risposta del governo attraverso le parole del sottosegretario alla Salute, Andrea Costa: “Sarebbe l’ultima ipotesi da prendere in considerazione, per ora credo che dobbiamo ancora affidarci al senso di responsabilità dei cittadini”.
A cura di Stefano Rizzuti
713 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Prima il Comitato tecnico scientifico, poi la Cisl. Le due richieste di rendere obbligatorio il vaccino anti-Covid non trovano, al momento, sponda nel governo. Almeno stando a quanto dichiarato dal sottosegretario alla Salute, Andrea Costa. A margine del meeting di Rimini Costa spiega che a sua parere una legge per introdurre l’obbligo vaccinale sarebbe “l’ultima ipotesi da prendere in considerazione”. Il ragionamento del sottosegretario si basa sul fatto che “le persone fino a oggi hanno dimostrato un grande senso di responsabilità. Abbiamo superato i 36 milioni di vaccinazioni, siamo i secondi in Europa. Dobbiamo continuare a veicolare un messaggio di fiducia”. Quindi il tema dell’obbligo al momento resta solo “per singole categorie, personale sanitario e settori specifici. E, per ora, credo dobbiamo ancora affidarci al senso di responsabilità dei cittadini”.

Orlando su obbligo vaccino: valutiamo tutte le soluzioni

La posizione di Costa, però, non sembra essere condivisa da tutti nel governo, come dimostrano le parole del ministro del Lavoro, Andrea Orlando: “Sono favorevole ad esplorare tutte le soluzioni che consentano di mettere quanto più possibile in sicurezza gli italiani”, commenta con i cronisti il ministro. Che aggiunge: “Personalmente sono convinto che tutti gli strumenti che sono in grado di contrastare la pandemia, nel rispetto della Costituzione e sentite le autorità scientifiche, vadano percorse. Questa è una mia opinione e, come sappiamo, ce ne sono di articolate e differenziate sia al Governo che in Parlamento”.

La richiesta di rendere obbligatorio il vaccino

Questa mattina è stato l’immunologo Sergio Abrignani, membro del Cts, a proporre l’introduzione dell’obbligo vaccinale in autunno: “Proporrei l’obbligo vaccinale perché le malattie infettive le contieni quando vaccini tutti e lo abbiamo visto con la polio, il vaiolo e altre malattie”. Nel pomeriggio è arrivata un’altra richiesta, quella di Luigi Sbarra, segretario della Cisl: il sindacato “chiede al governo e al Parlamento un'assunzione forte di responsabilità approvando subito una legge che preveda l’obbligo alla vaccinazione per tutti i cittadini. È questo quello che oggi serve per il Paese. La Cisl sosterrà questa impostazione”.

713 CONDIVISIONI
27536 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni