Covid 19
2 Febbraio 2022
20:00

Decreto Covid, ok a quarantena di 5 giorni a scuola, Bianchi: “Marciamo verso una nuova normalità”

I ministri della Salute e dell’Istruzione, Bianchi e Speranza, hanno presentato le nuove norme per la quarantena nelle classi, contenute nel nuovo decreto Covid.
A cura di Annalisa Cangemi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I ministri Speranza e Bianchi, dopo che il Cdm ha approvato le nuove norme sulla quarantena delle classi, con l'obiettivo di semplificare le regole per la didattica a distanza, hanno presentato il nuovo decreto in conferenza stampa. Tra le novità anche l'eliminazione della scadenza per chi ha il Green Pass rilasciato dopo la terza dose, che non durerà più 6 mesi, ma sarà illimitato.

"La scuola è il cuore del nostro paese e vogliamo lavorare per ridurre il più possibile la didattica a distanza", ha spiegato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento.
In particolare, per quel che riguarda le nuove regole sulla scuola, "abbiamo deciso che i vaccinati non andranno più in dad e nei pochi casi di dad questa non durerà più 10 giorni ma 5". Il ministro della Salute ha anche spiegato che le nuove regole sulla dad riguardano tutta la scuola: nelle scuole dell'infanzia si va in dad con 5 casi positivi, nella scuola primaria si va in dad con 5 casi, ma solo i non vaccinati. Anche nella scuola secondaria dopo 2 contagi in classe andranno in dad solo i non vaccinati.

"Abbiamo l'81,3% degli alunni in presenza, il 92% dei docenti e il 93,2% del personale tecnico amministrativo", ha detto il ministro dell'Istruzione Bianchi. "Ad oggi tra gli alunni i positivi e in quarantena il 23,3% nella fascia dell'infanzia (0-6), 22,5% nella scuola primaria che sono o positivi o in dad e nella scuola secondaria il 15,8% dei ragazzi in dad o ddi", ha aggiunto.

"C'era stato un aumento dei casi e delle quarantene nei giorni immediatamente successivi alla riapertura, dopo Natale. Adesso siamo arrivati a una sorta di plateau, grazie agli interventi che abbiamo realizzato fino ad ora. Stiamo marciando verso una nuova normalità, con la cautela che ci deve essere, perché il virus è ancora presente. Nelle scuole abbiamo consolidato un'indicazione per la scuola secondaria, che ha un tasso di vaccinazione molto alta. Per i ragazzi più piccoli abbiamo innalzato la soglia a partire dalla quale scatta la dad, ma la quarantena dura 5 giorni. Per i bambini da 6 a 11 anni abbiamo semplificato le norme, mantenendo il più possibili i bambini a scuola: con 5 casi anche qui scatta la lampadina rossa. Introducendo l'opportunità per chi è vaccinato di essere a scuola, segnalando per chi non lo è una condizione diversa, vi è un'attitudine anche nascosta da parte del governo a discriminare i bambini? Assolutamente no, da parte mia, di Speranza o del presidente. Vi è una chiara indicazione di marcia. C'è il riconoscimento delle famiglie che hanno già fatto questa scelta, che sono tante, e la necessità di accelerare la possibilità di dare a tutti i bambini questa opportunità, di cui parleremo con Figliulo. Vi ricordo che nel concetto stesso di vaccinati ci sono anche i guariti, che sono immunizzati".

Il numero di 5 contagiati in 5 giorni, come previsto per le elementari per far scattare la Ddi per i non vaccinati, "poi è molto alto: difficilmente si potrà raggiungere. È più una indicazione di senso di marcia che non di effettività di azione, la sua applicazione sarà marginale ma è un segnale".

Come cambiano le regole per la quarantena nelle classi

Da lunedì saranno in vigore le nuove regole per la quarantena e per la didattica a distanza. Le nuove indicazioni sono state decise oggi dalla cabina di regia riunita a palazzo Chigi, e approvate poi dal Consiglio dei ministri. Ecco cosa cambia:

Scuola d'infanzia. Per la fascia da 0 a 6 anni è prevista la sospensione della presenza per tutti dopo l'accertamento del quinto caso di positività al Covid. La didattica a distanza avrà una durata di cinque giorni.

Scuola primaria. Per la fascia da 6 a 12 anni, la dad sarà prevista solo per i non vaccinati, a partire dal quinto caso di positività in poi. Al primo caso di positività, invece, scatta solo l'obbligo di autosorveglianza.

Scuola secondaria. Anche nella scuola secondaria si passerà alla didattica a distanza solo per gli studenti non vaccinati. Le nuove regole prevedono che dal secondo caso in poi i ragazzi che abbiano completato il ciclo vaccinale da meno di 4 mesi, i guariti da meno di 4 mesi e i ragazzi con terza dose restino in classe, mentre per i non vaccinati si sospenderà la didattica in presenza per cinque giorni.

31293 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni