714 CONDIVISIONI
Covid 19
31 Dicembre 2020
07:55

Controlli a Capodanno, in campo più agenti contro feste e veglioni: “Saremo inflessibili”

La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, annuncia un ingente spiegamento di forze per i controlli di Capodanno: “Saremo inflessibili”, assicura parlando di molti agenti in strada per evitare feste e veglioni. “Le discoteche aperte la scorsa estate hanno contributo a moltiplicare i contagi da Covid-19. Non possiamo più permettercelo, per questo saremo inflessibili nei controlli e nelle sanzioni”, spiega la titolare del Viminale.
A cura di Stefano Rizzuti
714 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Controlli rigorosi anche a Capodanno. La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, conferma che le forze dell’ordine in campo per l’ultimo dell’anno saranno tantissime, con l’obiettivo di evitare feste e veglioni non autorizzati. In un’intervista al Corriere della Sera, Lamorgese spiega che vuole evitare che si ripeta a Capodanno quanto successo in estate: “Le discoteche aperte la scorsa estate hanno contribuito a moltiplicare i contagi da Covid-19. Non possiamo più permettercelo, per questo saremo inflessibili nei controlli e nelle sanzioni”. In particolare gli agenti dovranno impedire le feste per l’ultimo dell’anno: “Abbiamo uno spiegamento di forze dell’ordine imponente e siamo molto concentrati anche sul monitoraggio della rete internet per impedire che si affittino case dove riunirsi non rispettando le regole e il distanziamento”.

La ministra dell’Interno fa il punto anche sulla situazione dei controlli avvenuti durante tutti questi mesi di emergenza: “Dall’11 marzo sono state quasi 30 milioni le verifiche sulle persone e 8,5 milioni quelle sugli esercizi commerciali. Gli italiani hanno mostrato un atteggiamento di grande responsabilità. E spero fortemente che questo spirito di collaborazione sia confermato anche la notte di Capodanno”. L’augurio di Lamorgese è che si possa evitare, anche grazie ai controlli, un nuovo lockdown generalizzato a gennaio: “Mi auguro proprio di no. Le chiusure territoriali differenziate rappresentano l’opzione per evitare di ripiombare in una chiusura totale dell’intero territorio nazionale”.

Altro tema è quello del vaccino anti-Covid. Sull’ipotesi di renderli obbligatori per i dipendenti pubblici, Lamorgese risponde: “Tutti i cittadini, e a maggior ragione i dipendenti pubblici che svolgono un servizio per la collettività, sono chiamati a dare il buon esempio per tutelare la propria salute e quella degli altri. Io lo farò quando sarà il mio turno. L’obbligatorietà vaccinale per ora non è prevista perché è sempre auspicabile il rispetto del principio secondo il quale nessuno dovrebbe subire un trattamento sanitario contro la sua volontà”. Le forze dell’ordine ora si stanno occupando anche dei controlli e delle scorte per il trasporto dei vaccini: “Al momento non ci sono particolari criticità anche se reputo inaccettabili le minacce di morte no-vax indirizzate all’infermiera dello Spallanzani che per prima è stata vaccinata in Italia. Episodi simili devono essere monitorati con attenzione e perseguiti con il massimo rigore. Ora che la campagna vaccinale entra nella fase operativa, al Dipartimento della pubblica sicurezza e ai prefetti spetta l’adozione dei piani per scortare i trasporti delle fiale e per vigilare sui presidi sanitari di destinazione. Ma possiamo fornire un ulteriore contributo: i 310 medici e i 250 infermieri della Direzione centrale di sanità possono essere utilizzati per vaccinare la popolazione, il personale delle forze di polizia e dei vigili del fuoco”, conclude la ministra dell’Interno.

714 CONDIVISIONI
31883 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni