768 CONDIVISIONI
Elezioni regionali Umbria 2019
28 Ottobre 2019
08:21

Chi ha vinto e chi ha perso davvero le elezioni regionali in Umbria

Le elezioni regionali in Umbria hanno visto una netta affermazione del centrodestra, con l’elezione di Donatella Tesei. La Lega è il primo partito, seguito da Pd e Fdi. Ma cosa è cambiato rispetto alle precedenti regionali del 2015? E quali sono le principali variazioni rispetto alle europee di maggio? Dal confronto emergono alcune sorprese, con il successo di Fratelli d’Italia e il crollo del Movimento 5 Stelle.
A cura di Stefano Rizzuti
768 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni regionali Umbria 2019

Sulla vittoria del centrodestra alle elezioni regionali in Umbria non c’è alcun dubbio: Donatella Tesei, senatrice della Lega, ha sconfitto di circa 20 punti percentuali il candidato del patto civico tra M5s e Pd, Vincenzo Bianconi. Un’affermazione netta e che si rispecchia anche nei voti di lista, con la Lega nettamente primo partito. Ma il confronto del voto in Umbria di oggi con quello delle precedenti regionali (del 2015) e con le più recenti elezioni europee mostra alcuni elementi in parte sorprendenti. A partire dall’affermazione di Fratelli d’Italia e dal crollo del Movimento 5 Stelle. Con la Lega che guadagna tantissimi voti rispetto al 2014, ma ne perde in confronto alle europee di maggio.

Partiamo dal voto del 27 ottobre: Donatella Tesei è stata eletta presidente della Regione Umbria con il 57,5% dei voti. A seguire troviamo Vincenzo Bianconi con il 37,5%. Molto più indietro Claudio Ricci, candidato civico di area centrodestra, che si ferma al 2,6%. Per quanto riguarda le liste, la Lega è in testa con il 36,9% dei voti, seguita dal Pd al 22,3% e Fratelli d’Italia – a sorpresa terzo partito – al 10,4%. Più indietro il Movimento 5 Stelle al 7,4% e Forza Italia che non va oltre il 5,5%.

Il confronto con le regionali del 2015

Alle elezioni regionali del 2015 votò il 55,4% degli elettori umbri (391mila persone), quasi il 10% in meno rispetto ad oggi. Vinse Catiuscia Marini, candidata del Pd, con il 42,8% dei voti. Secondo posto per l’allora candidato del centrodestra (oggi ha corso con una sua lista civica) Claudio Ricci, al 39,3%. Terzo Andrea Liberati, del Movimento 5 Stelle, al 14,3%. Tutti gli altri partiti si sono fermati sotto il 2%. Il confronto da fare è quello sui voti di lista. Nel 2015 il partito più votato fu il Pd, con il 35,8% dei consensi e 160mila voti. Oggi i voti sono 93mila, poco più della metà. Il crollo è stato evidente anche per i 5 Stelle, che partivano dal 14,6% e da 51mila voti, contro i 31mila di oggi (e una percentuale dimezzata).

Inesorabile l’avanzata della Lega in questi quattro anni: partiva dal 14% del 2015, guadagnando oggi più di venti punti e triplicando i suoi voti: da 49mila a 154mila. Raddoppia i suoi voti Fratelli d’Italia, passando da 22mila a 43mila: nel 2015 raggiunse il 6,2%. Mentre perde consensi Forza Italia: alle precedenti regionali raccolse l’8,5% e 30mila voti, contro i 23mila di oggi. Infine la lista Ricci presidente – allora nel centrodestra – raggiunse il 4,5%.

Il confronto con le europee del 2019

Le ultime elezioni che si sono tenute in Umbria sono state le europee di maggio 2019, solo pochi mesi fa. A maggio votarono 465mila elettori, con un’affluenza leggermente superiore a quella del 27 ottobre (è stata del 67,7%). Il risultato di maggio è in parte simile per molti dei partiti. E, nonostante il grandissimo risultato raggiunto dalla Lega alle regionali, si registra un calo dei voti del partito di Matteo Salvini rispetto a maggio. Allora prese il 38,2%, corrispondente a 171mila voti: oggi sono stati 154mila. Calo anche per il Pd, che passa da 108mila voti (24%) ai 93mila di queste regionali.

Il calo più netto lo fa registrare il Movimento 5 Stelle, per cui l’alleanza con i dem non paga: i pentastellati dimezzano i voti, passando da 66mila a 31mila, cioè dal 14,6% al 7,4%. Il balzo in avanti più evidente è quello di Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni partiva dal 6,6% di maggio, corrispondente a 30mila voti, che oggi sono diventati 43mila (e il 10,4% del totale). In calo, invece, Forza Italia, che passa dal 6,4% di maggio con 29mila voti ai 23mila delle regionali del 27 ottobre.

Chi ha vinto e chi ha perso davvero le elezioni in Umbria

In conclusione emergono alcuni dati interessanti. Rispetto alle precedenti regionali del 2015 il quadro è completamente cambiato: la Lega ha sfondato in Umbria, il Pd è in grosse difficoltà, così come il Movimento 5 Stelle, mentre guadagna molti consensi Fratelli d’Italia. Rispetto alle europee di maggio, invece, gli equilibri sono rimasti sostanzialmente invariati. La Lega e il Pd perdono qualche voto (circa 15mila a testa), il M5s crolla dimezzando i consensi, Forza Italia continua a perdere voti, ma la vera sorpresa è Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni ha nettamente aumentato i suoi voti, unico partito a segnare un trend così positivo rispetto a maggio.

768 CONDIVISIONI
53 contenuti su questa storia
Di Maio dopo la sconfitta in Umbria: “Basta alleanze col Pd, dobbiamo diventare autonomi
Di Maio dopo la sconfitta in Umbria: “Basta alleanze col Pd, dobbiamo diventare autonomi"
Umbria, Istituto Cattaneo:
Umbria, Istituto Cattaneo: "Si rafforzano i partiti sovranisti, Lega e FdI. Indebolimento di FI"
Giorgia Meloni sul voto in Umbria:
Giorgia Meloni sul voto in Umbria: "Scandalizzata dalle parole di Conte, si dimetta subito"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni