190 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
24 Gennaio 2022
15:19

Chi è Marta Cartabia, da ministra della Giustizia a candidata di +Europa e Azione per il Quirinale

Mentre la maggior parte delle forze politiche ha annunciato che voterà scheda bianca al primo scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica, +Europa e Azione hanno deciso di fare il nome di Marta Cartabia, ministra della Giustizia ed ex presidente della Corte Costituzionale.
A cura di Annalisa Girardi
190 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Al primo scrutinio per l'elezione del presidente della Repubblica la stragrande maggioranza dei partiti voterà scheda bianca, mentre proseguono le trattative tra i leader per trovare un accordo sul nome condiviso da portare al Quirinale. La federazione di +Europa e Azione, invece, ha annunciato che già alla prima votazione farà il nome di Marta Cartabia, ministra della Giustizia nel governo di Mario Draghi ed ex presidente della Corte Costituzionale. Classe 1963, Cartabia è stata la prima donna a ricoprire tale incarico alla Consulta. Ha alle spalle una lunga carriera da giurista e accademica: ha insegnato anche in numerose università all'estero, ad esempio in Francia e negli Stati Uniti.

Chi è Marta Cartabia, possibile candidata Presidente della Repubblica

Fa parte dell'Associazione italiana dei costituzionalisti. Nel 2011 è stata nominata giudice della Corte Costituzionale dall'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: era la terza donna ad essere nominata giudice e tra i più giovani a ricoprire l'incarico. Qualche anno dopo viene scelta per la vicepresidenza, mentre nel 2019 diventa la prima donna presidente della Corte. A febbraio 2021 viene chiamata a far parte del governo tecnico di unità nazionale presieduto da Draghi e diventa Guardasigilli. È la terza donna alla guida del ministero della Giustizia.

+Europa e Azione voteranno Cartabia al primo scrutinio

Il suo nome già nei giorni scorsi circolava come quelli papabili per il Quirinale. +Europa e Azione hanno deciso di sostenerla già alla prima votazione. "Tutti dicono di volere una figura di alto profilo, super partes, autorevole e garante della Costituzione. Meglio ancora se donna. Noi invece la votiamo", ha scritto su Twitter Matteo Richetti, senatore di Azione.

"Non è possibile andare avanti con tatticismo e schede bianche. Voteremo da subito Marta Cartabia e invitiamo grandi elettori e grandi elettrici a fare lo stesso. Basta trovare sempre una scusa per non votare una donna, anche quando ha il profilo perfetto", ha aggiunto Carlo Calenda, leader di Azione.

E infine Riccardo Magi, di +Europa, ha scritto: "La nostra democrazia vive da tempo una grave crisi costituzionale, il nome e la storia di Marta Cartabia, che voteremo come +Europa e Azione sono garanzia di un presidio rigoroso e intransigente della Costituzione e dello stato di diritto".

190 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni