1.010 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
4 Febbraio 2022
10:13

Berlusconi dice che ha chiamato lui Mattarella per convincerlo a fare il bis

Il leader di Forza Italia, del tutto ripreso dopo l’ultimo ricovero, spiega che i rapporti con gli alleati di destra non sono infranti e apre a Italia Viva.
A cura di Giacomo Andreoli
1.010 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Secondo Silvio Berlusconi l'alleanza di centrodestra esiste ancora. Il leader di Forza Italia, intervistato dal Corriere della Sera, si dice convinto che i rapporti personali tra lui, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, non sono mai stati in discussione, anche nei momenti di dissenso. Quindi anche nel caso della partita del Colle, che sul nome di Mattarella ha portato a un'evidente spaccatura, con accuse incrociate tra Meloni e alleati da una parte e centristi contro leghisti dall'altra. Berlusconi, però, oramai del tutto ripresosi dopo il ricovero al San Raffaele di Milano, auspica la federazione dei partiti centristi, a partire da Coraggio Italia, Noi per l'Italia e Udc, senza un veto pregiudiziale nei confronti di Italia Viva di Matteo Renzi.

«Sono favorevole – spiega – a tutto ciò che può riunire i moderati, nel solco del Partito Popolare Europeo, di cui siamo orgogliosamente espressione in Italia. La storia di Renzi è diversa, un giorno forse deciderà dove vuole approdare».

Quanto al governo Draghi il leader di Forza Italia è convinto che debba avere «tutto il tempo necessario per completare il lavoro». Quindi smentisce che tra lui e il premier ci siano attriti o vera e propria mancanza di sintonia personale. Quando l'emergenza Covid sarà superata, però, Berlusconi chiede che si torni al sistema dell'alternanza tra centrodestra e centrosinistra, «magari con rapporti più sereni e rispettosi fra le forze politiche».

La mancata elezione per il Quirinale e la scelta di Mattarella

La mancata elezione come Presidente della Repubblica era un suo obiettivo da tempo, ma ora lui non si dice né amareggiato né deluso. La scelta, rivendica, è stata sua, dopo una lunga riflessione e «per l’unità politica e morale della Nazione in un momento di emergenza». Così avrebbe «ritenuto fosse più utile all’Italia evitare che sul mio nome si consumassero polemiche o lacerazioni inopportune», anche per garantire la prosecuzione del governo Draghi, visto che altrimenti la maggioranza poteva dividersi.

Mattarella era per Berlusconi la scelta migliore data la situazione di stallo, facendo concludere la partita del Quirinale «molto bene, nell’interesse degli italiani». Quindi esprime apprezzamento per il messaggio del Presidente alle Camere, rivendicando che quanto detto dal Capo dello Stato su giustizia, politica internazionale e difesa dei più deboli dimostra che la scelta dei moderati di centrodestra sia stata giusta.

Tra i nomi che sono emersi prima della riconferma di Mattarella, quello di Casini rivela essergli stato proposto dal leader del PD Enrico Letta, ma non aveva sufficiente consenso fra le forze politiche. Da qui l'ormai nota telefonata con l'attuale inquilino del Colle per chiedergli di restare al suo posto.

L'ultimo ricovero al San Raffaele

Sull'ultimo ricovero al San Raffaele, infine, Berlusconi glissa, spiegando di star bene e di aver superato prove ben più dure. Viene da pensare all'infezione da Covid contratta nell'autunno del 2020, che definì una delle sfide più impegnative della sua vita. La scelta di ricoverarsi subito dopo aver rinunciato ad essere il candidato del centrodestra per il Colle sarebbe quindi arrivata per un «malessere fastidioso», per cui i medici avrebbero consigliato il trattamento in ospedale. Tuttavia assicura di aver seguito attivamente ogni giorno la travagliata fase politica attraversata dal Paese.

E sul suo futuro assicura di rimanere in campo come numero uno di Forza Italia, che però dovrebbe allargarsi e aprire, se possibile, a una «prestigiosa personalità proveniente dal mondo delle imprese e delle professioni».

1.010 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni