La capitana Carola Rackete torna oggi in Germania. E lo fa da libera cittadina, non espulsa come si era augurato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, questa mattina. Il leader della Lega, infatti, aveva scritto su Twitter che non vedeva l'ora di espellere la "comunista tedesca e rimandarla a casa". Ieri la comandante della Sea Watch 3 era stata sentita dalla Procura di Agrigento, che indaga per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e disobbedienza a nave da guerra. Rackete ha lasciato la Sicilia, come conferma un portavoce della Ong Sea Watch.

Uscendo dal tribunale ieri Carola aveva affermato: "Sono molto felice di aver avuto l'opportunità oggi di spiegare tutti i dettagli dell'operazione di salvataggio che abbiamo compiuto lo scorso 12 giugno. Spero che la Commissione europea dopo l'elezione del nuovo Parlamento faccia il meglio possibile per evitare queste situazioni e che tutti i Paesi accettino le persone salvate dalle flotte di navi civili". La comandante era accompagnata dal legale della Ong tedesca, Alessandro Gamberini, che commentando brevemente l'interrogatorio aveva fatto riferimento alla querela depositata alla procura di Roma a carico di Matteo Salvini per diffamazione e istigazione a delinquere. In altre parole, per l'odio online e gli insulti che avevano sommerso Carola Rackete, spesso proprio sulle pagine del ministro dell'Interno, in seguito al caso della nave Sea Watch 3. "Che il clima di odio ci sia e che venga alimentato da dichiarazioni irresponsabili, aggressive e false come ha fatto il ministro Salvini sui social è pacifico. Se uno le fa al bar, si dice che è un irresponsabile, ma se le fa un uomo che ha una responsabilità istituzionale, capite bene che il peso specifico che ha questa dichiarazione è ben altro. E noi riteniamo abbia una valenza istigatoria, perché crea, come un grosso macigno nell'acqua, grandi onde intorno a sé", ha commentato Gamberini.