30 Ottobre 2021
09:07

Al via il G20 a Roma, tutti i temi sul tavolo: dal clima alla ripresa economica

Si apre oggi a Roma il primo G20 in presenza dopo due anni di pandemia. In una Capitale blindata arrivano quasi tutti i grandi del pianeta. Il principale tema sul tavolo è il clima, che però è anche il nodo più difficile da sciogliere, con alcuni Paesi – Cina in testa – che giudicano irrealistico l’azzeramento delle emissioni entro il 2050. Oggi si dovrebbe arrivare all’ok alla minimum tax per far pagare alle grandi multinazionali una tassa minima del 15% ovunque.
A cura di Tommaso Coluzzi

Tutti i grandi del pianeta riuniti (più o meno) nello stesso posto per circa quarantotto ore. In una Roma blindata per tutto il weekend comincia il G20, il primo in presenza da due anni a questa parte a causa della pandemia di Covid. Il programma è fittissimo, con diversi incontri che verranno interrotti di tanto in tanto per concedere anche dei bilaterali ai leader mondiali. Oggi si parte, dopo che ieri l'attenzione è stata monopolizzata dalle visite del presidente americano Joe Biden, alla Nuvola dell'Eur, nella zona Sud della Capitale: dalle 10 in poi il presidente Draghi accoglierà uno ad uno tutti i leader del G20, poi, alle 11.45 comincerà il primo incontro dedicato a "Economia e salute globale". Qui si dovrebbe parlare di vaccini contro il Covid per tutto il mondo e soprattutto di prevenzione delle prossime pandemie. Poi, alle 15, un evento a margine sul sostegno alle piccole e medie imprese e alle attività gestite da donne; mentre alle 19 è previsto un evento culturale alle Terme di Diocleziano. A cena tutti al Quirinale da Mattarella.

I temi sul tavolo del G20: c'è il nodo clima

L'accordo sul clima tra i grandi del mondo è senz'altro il punto principale del G20 di Roma, ma è proprio il tema più ostico da discutere per via delle diverse visioni. La Cina resta irremovibile sulle tempistiche per arrivare a zero emissioni. Per i Paesi europei e gli Stati Uniti non si può andare oltre il 2050, mentre la linea di Russia, India e Arabia Saudita, oltre che ovviamente della Cina, è quella di puntare almeno al 2060. Oggi si dovrebbe arrivare all'accordo sulla minimum tax – che praticamente è nell'interesse di tutti – per garantire che le grandi multinazionali paghino ovunque un'aliquota minima del 15%. Secondo fonti americane dovrebbe partire già nel 2023. Sul tavolo c'è ovviamente anche l'emergenza Covid, con il tema della vaccinazione in tutto il mondo, e la prevenzione di nuove e possibili pandemie.

Chi c'è al G20 di Roma e qual è il programma

Non tutti i leader del G20 sono arrivati nella Capitale italiana a causa Covid. Alcuni hanno preferito seguire la strada del collegamento da remoto per evitare rischi sanitari: tra tutti il presidente russo Vladimir Putin e quello cinese Xi Jinping. Sono a Roma Angela Merkel per la Germania, Emmanuel Macron per la Francia, Pedro Sanchez per la Spagna, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ma anche quello brasiliano Jair Bolsonaro e quello argentino Alberto Fernandez. Dopo qualche indecisione è arrivato dall'altra parte del mondo il premier australiano Scott Morrison, ma anche i presidenti di India, Corea del Sud e Indonesia. Domani mattina alle 9 ci sarà la photo opportunity con tutti i leader presenti, poi due sessioni di lavoro prima e dopo pranzo: "Cambiamenti climatici ed energia" e poi "sviluppo sostenibile". Alle 16.15 circa parlerà il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nelle dichiarazioni finali dell'incontro, poi molti altri leader mondiali.

Blitz agli Uffizi, ambientalisti si incollano alla Primavera di Botticelli:
Blitz agli Uffizi, ambientalisti si incollano alla Primavera di Botticelli: "Presto arte sarà un lusso"
Cosa sta succedendo in Sri Lanka tra proteste e dimissioni del presidente:
Cosa sta succedendo in Sri Lanka tra proteste e dimissioni del presidente: "Situazione allarmante"
Incendio a San Polo dei Cavalieri: in fiamme il bosco alle porte di Roma
Incendio a San Polo dei Cavalieri: in fiamme il bosco alle porte di Roma
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni