“Una salma avvolta in un lenzuolo bianco e sporco di sangue depositata all'interno di una edicola sepolcrale di marmo del cimitero di Poggioreale, nascosta solo da un telo di plastica nera, come i vecchi sacchi della spazzatura. Un altro sacco avvolto in un telone azzurro, dalla sagoma che sembra quella di una bara, l'ho visto nei pressi dei cassonetti dell'immondizia all'ingresso del cimitero in viale Cocchia”. È questo il racconto dell'orrore di Gennaro Carrino, cittadino napoletano, che stamattina era andato al cimitero di Poggioreale di Napoli, per rendere omaggio alla madre defunta.

Il cittadino adesso chiede alle istituzioni di verificare la sicurezza dell'igiene urbana all'interno del camposanto cittadino. All'esito di un sopralluogo è stato effettivamente riscontrato che nel sacco c'era una bara rotta fatta e pezzi e messa nel sacco e che la salma avvolta in un panno era in una cappella privata.

"Salma lasciata in vista in un lenzuolo sporco"

Il cittadino ha così voluto denunciare in un video la condizione di degrado del cimitero di Poggioreale. “Mentre stavo raggiungendo la cappella di mia madre in viale Cocchia – spiega Gennaro Carrino – mi sono trovato davanti questa scena. Su una edicola di marmo dopo la curva, c'era una sorta di telo di plastica nera, come i vecchi sacchi dell'immondizia. Scostandolo, dietro c'era quella che sembrava una salma, avvolta in telo sudicio e sporco di sangue. È una cosa vergognosa, è chiaro che la salma, se così fosse, doveva essere conservata in un telo pulito o in una cassa".

Il racconto prosegue: "Al ritorno, poi, nei pressi del cancello di ingresso di viale Cocchia, nei pressi dei cassonetti dell'immondizia, c'era un altro sacco in un telo azzurro, dalla forma di una bara. Non ho certezza, perché non l'ho toccata ovviamente. Ma la sensazione era forte. Se così fosse sarebbe una vergogna”. Come può essere accaduta una cosa del genere? Quando si fa un'esumazione o un'estumulazione, le bare dovrebbero essere ritirate da una squadra della polizia mortuaria dei servizi cimiteriali e smaltite.