103 CONDIVISIONI
16 Agosto 2022
11:59

Si tuffa nel lago e non riemerge: il 21enne Ndome Diaga muore davanti alla famiglia e amici

Si chiamava Ndome Diaga, il ragazzo di origini senegalesi morto annegato nel lago di Endine. Tra le ipotesi più probabili quella che una volta in acqua il 21enne si sia sentito male e non sia più riemerso.
A cura di Giorgia Venturini
103 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Aveva 21 anni e si chiamava Ndome Diaga il ragazzo di origini senegalesi morto dopo essersi tuffato nel lago di Endine senza più riemergere. La tragedia si è verificata a Spinone al Lago poco dopo le 12: il giovane, residente con la famiglia ad Alzano Lombardo, stava facendo il bagno poco lontano da riva quando è annegato. Stava festeggiando Ferragosto con amici e parenti sulla sponda del lago. Tra le ipotesi più probabili quella che una volta in acqua il 21enne si sia sentito male e non sia più riemerso. Tutto però è ancora in fase di accertamento.

Il corpo trovato a quattro metri di profondità

Certo è che il ragazzo è stato visto sparire nell'acqua: i suoi famigliari e amici che erano a riva non hanno potuto far altro che chiamare immediatamente i soccorsi. Sul posto sono giunti immediatamente i Vigili del fuoco e il Nucleo Sommozzatori Volontari di Treviglio, che hanno attivato subito le ricerche. Purtroppo non c'è stato nulla da fare: il corpo del giovane senza vita è stato recuperato a quattro metri di profondità. Qualsiasi tentativo di rianimarlo è risultato inutile. Il personale medico della Croce Rossa di Entratico e l'auto medica di Bergamo non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Si deciderà se disporre l'autopsia

La salma sarà restituita alla famiglia nei prossimi giorni, non è ancora chiaro se il magistrato deciderà di disporre o meno l'autopsia. Intanto ora in tanti piangono Ndome Diaga. Tra qualche giorno sarà possibile capire nel dettaglio quanto accaduto: gli esami sul corpo potranno confermare o meno la morte per annegamento a seguito di un malore.

103 CONDIVISIONI
Giuseppe Ghezzi muore investito da un'auto: usciva dal bar in cui si era intrattenuto con gli amici
Giuseppe Ghezzi muore investito da un'auto: usciva dal bar in cui si era intrattenuto con gli amici
Abbandonata davanti a un benzinaio, cagnolina muore perché il padrone non la curava
Abbandonata davanti a un benzinaio, cagnolina muore perché il padrone non la curava
Bruciano 600 metri quadrati di campo di grano: il fumo visibile da chilometri di distanza
Bruciano 600 metri quadrati di campo di grano: il fumo visibile da chilometri di distanza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni