2 Febbraio 2021
11:39

Morte di Beppe Ghirardini, l’ultimo ad aver visto in vita Mario Bozzoli: altri sei mesi di indagini

Il giudice per le indagini preliminari di Brescia, Elena Stefana, ha respinto la richiesta di archiviazione dell’inchiesta sulla morte di Giuseppe Ghirardini, ex operaio della fonderia Bozzoli di Marcheno e uno degli ultimi ad aver visto in vita Mario Bozzoli, imprenditore scomparso nell’ottobre 2015 e mai più ritrovato. Per la morte di Ghirardini sono indagati, con l’accusa di istigazione al suicidio, i due nipoti di Mario Bozzoli. Uno dei due, Giacomo, è anche a processo con l’accusa di aver ucciso lo zio e averne occultato il cadavere.
A cura di Francesco Loiacono
Giuseppe Ghirardini
Giuseppe Ghirardini

Non sarà archiviata per il momento l'inchiesta sulla morte di Beppe Ghirardini, 50enne ex operaio della fonderia Bozzoli di Marcheno (Brescia) che è stato uno degli ultimi a vedere in vita Mario Bozzoli, l'imprenditore scomparso l'8 ottobre del 2015 e mai più ritrovato. Ghirardini fu trovato senza vita nei boschi di Ponte di Legno pochi giorni dopo la scomparsa di Bozzoli, il 15 ottobre del 2015. Era andato a caccia, proprio nelle ore in cui avrebbe dovuto essere ascoltato dagli inquirenti sulla caso della scomparsa del suo datore di lavoro, e venne trovato con un'esca di cianuro nello stomaco.

La famiglia di Ghirardini non ha mai creduto al suicidio

Fin da subito l'ipotesi di suicidio venne rifiutata con forza dai famigliari dell'operaio: Ghirardini non era depresso e anzi era ansioso di incontrare il figlio, che vive in Brasile con la madre. A casa sua, inoltre, vennero trovati dei soldi ritenuti sospetti. Per la morte dell'ex operaio sono indagati, con l'accusa di istigazione al suicidio, i due nipoti di Mario Bozzoli, Alex e Giacomo. Quest'ultimo risulta imputato anche per la scomparsa e la morte dello zio, con le accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Per la morte dell'ex operaio sono indagati i due nipoti di Mario Bozzoli

La procura generale, a oltre cinque anni dalla morte di Ghirardini, aveva chiesto di archiviare le indagini. Ma la famiglia dell'ex operaio, rappresentata dall'avvocato Maurizio Simini, si era opposta alla richiesta. E il giudice per le indagini preliminari di Brescia Elena Stefana ha accolto la richiesta, dicendo no alla richiesta di archiviazione e disponendo ulteriori indagini. Altri sei mesi nei quali dovranno essere ascoltati nuovamente gli ex dipendenti della fonderia, nel frattempo chiusa, e i testimoni che avrebbero visto nei boschi di Ponte di Legno un suv simile a quello di Adelio Bozzoli, fratello di Mario e padre di Alex e Giacomo. L’avvocato che difende i due indagati, Luigi Frattini, ha sempre affermato che non vi sarebbero prove a carico dei suoi assistiti.

La mamma di Yana Malayko:
La mamma di Yana Malayko: "Era felice di lasciare Dumitru Stratan, aveva nuovi sogni e progetti"
Trascinato sull'asfalto per oltre 20 metri: muore investito a 36 anni
Trascinato sull'asfalto per oltre 20 metri: muore investito a 36 anni
Ragazzo picchiato e sfregiato al volto con una lattina dopo una partita di calcio in oratorio
Ragazzo picchiato e sfregiato al volto con una lattina dopo una partita di calcio in oratorio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni