video suggerito
video suggerito

Chiesto il processo per Irene Pivetti: “Fece arrivare milioni di mascherine inutilizzabili dalla Cina”

L’ex presidente della Camera si trova già a processo per un’altra vicenda in cui è accusata di evasione fiscale e autoriciclaggio. È accusata di aver messo in piedi un sistema fraudolento approfittando dell’emergenza Covid e della carenza di mascherine.
A cura di Francesca Del Boca
41 CONDIVISIONI
Immagine

I pm di Busto Arsizio hanno chiesto il rinvio a giudizio di Irene Pivetti. Secondo l'accusa, avrebbe fatto arrivare mascherine dalla Cina a Malpensa per un valore di 10 milioni di euro (a fronte di un valore complessivo acquistato di 35 milioni) e, per di più, di qualità scadente, con falso marchio CE: in poche parole, inutilizzabili. Di cui alcune, come emergerebbe dall'inchiesta, addirittura dannose per la salute. 

L'ex presidente della Camera, che si trova già a processo a Milano per un'altra vicenda di evasione fiscale e autoriciclaggio, è accusata di frode in forniture pubbliche, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio. Così come contrabbando aggravato e bancarotta fraudolenta, evasione fiscale e false fatturazioni.

Immagine

Secondo la Procura di Busto Arsizio, Pivetti e l'imprenditore Luciano Mega avrebbero fornito alla Protezione Civile all’epoca guidata da Angelo Borrelli (ma anche all'Asl di Napoli 3, all’Atm Genova e ad Estar Toscana, oltre ad una serie di aziende private) milioni di mascherine FFP 2 e chirurgiche inutilizzabili in quanto non rispondenti ai criteri minimi imposti dall’Unione Europea ma nemmeno a quelli, decisamente meno stringenti, della Repubblica Popolare cinese. Il tutto attraverso due diversi contratti, rispettivamente da 23 milioni di euro e 2 milioni di euro.

Adesso, oltre all’ex-parlamentare e all’imprenditore di Vanzago dovranno rispondere anche la figlia di Pivetti e il genero, oltre ad altri che avrebbero fatto da prestanome per i passaggi di denaro che è evaporato dai conti della Only Italia, la società di cui l'ex politica e giornalista era presidente (e che al tempo presentava un bilancio irrisorio), all’estero tra  India, Romania, Ungheria, Cina.

41 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views