La primavera tarda ad arrivare. Gli ultimi scampoli dell'inverno si sono abbattuti soprattutto al Nord Italia. Tanti i disagi per la circolazione, ma nessuna conseguenza per le persone. Neve fuori stagione in diverse zone del settentrione, dall'Abetone (Pistoia) – dove la quota neve, secondo le previsioni meteo, dovrebbe abbassarsi nel corso della giornata fino a 600 metri – all'Appennino ligure-piemontese, dove fiocchi di neve sono caduti a quote molto basse per l'inizio di maggio, a 5-600 metri nelle valli Orba, Curone e Borbera, sui bacini di spartiacque tra Liguria e Piemonte. Secondo le previsioni nel corso delle prossime ore la neve potrebbe imbiancare anche l'alto Monferrato. Nevischio sull'A26 Genova-Gravellona sull'Appennino al confine con la provincia di Genova, tra Masone e e l'allacciamento con la A10 Genova-Ventimiglia.

Problemi sono stati causati anche dal forte vento: alberi sono stati abbattuti in molte zone del Piemonte. A Trecate (Novara) la caduta di una pianta ha causato il ferimento di un vigile del fuoco. Il Duomo di Vigevano, in Lombardia, è chiuso da questa mattina a causa della caduta di calcinacci in prossimità dell'altare principale, avvenuta durante la scorsa notte, e causata dal maltempo. Le funzioni religiose sono state spostate nella chiesa del seminario vescovile, che si trova a poche decine di metri. Sul posto sono intervenuti, per una prima verifica delle condizioni statiche della cattedrale, i vigili del fuoco.

Sono oltre 160 gli interventi dei vigili del fuoco effettuati dalla scorsa notte fino a stamani dai pompieri in Veneto. Particolarmente colpita la provincia di Verona, con un'ottantina di interventi per rimuovere alberi abbattuti dalle forti raffiche di Vento, prosciugamenti di case allagate, soccorsi ad automobilisti in difficoltà. Sulla strada Gardesana sono crollati alcuni cipressi, alti fino a 20 metri, e l'arteria è rimasta temporaneamente interrotta, per permettere la rimozione dei tronchi e la messa in sicurezza della statale.

Una violenta grandinata ha colpito la scorsa notte Peschiera del Garda (Verona), lasciando a terra un manto bianco di 10 centimetri, che sciogliendosi ha provocato allagamenti in tutta la zona. I pompieri sono intervenuti nella notte per soccorrere alcuni automobilisti rimasti bloccati con le vetture in un vasto tratto allagato sulla statale Transpolesana, nei pressi di San Giovanni Lupatoto. Decine di operazioni sono state svolte anche nelle province di Treviso, Belluno, Venezia, Padova e Vicenza, per la rimozione di piante, anche di alto fusto, cadute sulle strada, cornicioni e strutture rese pericolanti dal vento.